Scorte e Status Symbol, il COISP da anni denuncia gli sprechi

529

 

 

COMUNICATO STAMPA DEL 20 SETTEMBRE 2013

Oggetto: Scorte e spreco di denaro pubblico, il Coisp: “Da sempre denunciamo l’inutilità di alcuni servizi di cui scrive oggi il Tempo. Già un anno fa abbiamo parlato di tutele come mero status symbol”

“Praticamente da sempre denunciamo l’enorme spreco di denaro pubblico per molti servizi di scorta o tutela di cui parla oggi l’ottima inchiesta de “Il Tempo”. Appena un anno fa, nell’agosto del 2012, dissi senza mezzi termini agli organi di informazione come molto spesso – soprattuttonel caso dei servizi di tutela privi di una reale efficacia contro un’eventuale seria minaccia per il tutelato -, girare in un’auto pubblica accompagnati da qualcuno, tutto a spese dei contribuenti, sia solo un inutile, odioso e costosissimo status symbol che gli italiani pagano di tasca propria a danno di servizi essenziali al mantenimento della sicurezza collettiva. E oggi i contenuti del reportage presentati dal Direttore Gian Marco Chiocci ricordano opportunamente e responsabilmente a tutti come nulla sia cambiato, e lo sbandierato impegno a ridurre tali sprechi per mantenere un minimo di serietà rispetto all’apocalittica crisi che ci viene quotidianamente sbattuta in faccia sia rimasto lettera morta… tanto per cambiare”.

Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, fa eco così al vasto e dettagliato servizio pubblicato oggi sulle pagine de “il Tempo”, dal titolo “Lo scandalo delle scorte a peso d’oro”, nel quale viene riportato fra l’altro l’elenco di tutti i soggetti che godono della protezione e del servizio offerto dallo Stato. Oltre 200 in tutta Italia, fra “politici, magistrati, giornalisti, sindacalisti, ambasciatori, gente di spettacolo”, fra cui anche molti che non svolgono più incarichi pubblici.

“Servizi dal costo elevatissimo – ribadisce Maccari – che impegnano migliaia di Appartenenti alle Forze dell’Ordine, mezzi e risorse rimasti totalmente al riparo dagli effetti dei “tagli selvaggi” operati al Comparto Sicurezza, mentre di contro per il quotidiano svolgimento delle attività sul territorio ci troviamo a fare i salti mortali rimettendoci non di rado anche del nostro per garantire il servizio dovuto ai cittadini”.

“Abbiamo sentito dai nostri Governanti inutili parole sulla necessità di rivedere tutti i servizi ancora attivi per una verifica delle reali esigenze di assicurare la scorta a così tante persone – ricorda il Segretario del Coisp -. Ma l’unica cosa che non si fa mai attendere è il taglio alle nostre risorse ed ai nostri mezzi. Ci barcameniamo per quattro soldi con contratti bloccati all’epoca di Noè, non possiamo contare su un turn over adeguato alle infinite esigenze operative, abbiamo trattamenti previdenziali ridicoli che non ci garantiscono una vita serena, e tante, troppe altre questioni vitali per la tenuta dell’intero Comparto, ma continuiamo a vedere l’ignobile superficialità con cui si affrontano certe questioni. E’ assurdo e indegno”.

“Continuiamo ad esempio a vedere che in tanti godono della tutela – insiste Maccari -, composta da un solo uomo con una macchina non blindata. E continuiamo a fare un ragionamento di fondo: si tratta di una persona da scortare oppure no? Perché se la tutela è una scorta, quella persona che noi impegniamo è qualcuno che in realtà fa solo l’autista, e con una macchina che non è blindata e dunque è addirittura pericolosa. La verità continua ad essere che la tutela è uno status symbol, come molti altri servizi di scorta garantiti a chi potrebbe farne a meno. L’unico dato positivo rimane che qualche giornalista si ricorda di suonare la sveglia a chi non fa che girarsi dall’altra parte. Nella speranza che ciò produca qualche effetto benefico per migliaia di uomini e donne delle Forze dell’Ordine chiamati ad imprese che stanno per sfiorare l’impossibile”.

Ufficio Stampa Co.I.S.P. Nazionale – Responsabile: Olga Iembo Collaboratori: Antonio Capria

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here