Recovery plan, il COISP alla politica: “Qualche bonus monopattino in meno e qualche poliziotto in più sarebbe gradito dai cittadini”- Agenzie stampa

406

IL COISP SCRIVE AI SEGRETARI DEI MAGGIORI PARTITI PER CHIEDERE CHE ANCHE NEL RECOVERY PLAN LA SICUREZZA SIA CONSIDERATA COME LA PRIMA INFRASTRUTTURA STRATEGICA.
QUALCHE BONUS MONOPATTINO IN MENO E QUALCHE POLIZIOTTO IN PIÙ SAREBBE GRADITO DAI CITTADINI

Recovery: Pianese (Coisp), da governo nemmeno un euro per la sicurezza Roma, 14 Dicembre 2020
“Dei 209 miliardi in arrivo con il Recovery Fund, il governo non prevede nemmeno un euro per la sicurezza dei cittadini e per le donne e gli uomini della Polizia di Stato né per quelle le altre amministrazioni del comparto Sicurezza e Difesa”. Così il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp Domenico Pianese che sul tema ha inviato una lettera ai segretari dei principali partiti in Parlamento. “Come è possibile che all’esecutivo sia sfuggito il ruolo svolto dai poliziotti, nonostante la cronica mancanza di organico, per far rispettare le norme anti Covid, per contrastare la recrudescenza dei fenomeni criminali predatori e per combattere la criminalità organizzata che già si sta preparando per godere di parte di quei 209 miliardi? Si vuole forse imporre un rinnovo contrattuale che porterà poche decine di euro di aumento stipendiale, continuando a pagare i poliziotti meno di 6 euro nette per ogni ora di lavoro straordinario? La sicurezza è la prima infrastruttura strategica per un Paese in cui sia possibile esercitare le libertà fondamentali e la libertà d’impresa. Per questo apprezzeremmo molto qualche bonus monopattino in meno e qualche poliziotto in più, possibilmente retribuito in modo adeguato”, conclude.

AGENZIE STAMPA


Recovery: Pianese (Coisp), nemmeno un euro per la sicurezza
(ANSA) – ROMA, 14 DIC – “Dei 209 miliardi in arrivo con il Recovery Fund, il governo non prevede nemmeno un euro per la sicurezza dei cittadini e per le donne e gli uomini della Polizia di Stato ne’ per quelle le altre amministrazioni del comparto Sicurezza e Difesa”. Cosi’ il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp Domenico Pianese che sul tema ha inviato una lettera ai segretari dei principali partiti in Parlamento. “Come e’ possibile che all’esecutivo sia sfuggito il ruolo svolto dai poliziotti, nonostante la cronica mancanza di organico, per far rispettare le norme anti Covid, per contrastare la recrudescenza dei fenomeni criminali predatori e per combattere la criminalita’ organizzata che gia’ si sta preparando per godere di parte di quei 209 miliardi? Si vuole forse imporre un rinnovo contrattuale che portera’ poche decine di euro di aumento stipendiale, continuando a pagare i poliziotti meno di 6 euro nette per ogni ora di lavoro straordinario? La sicurezza e’ la prima infrastruttura strategica per un Paese in cui sia possibile esercitare le liberta’ fondamentali e la liberta’ d’impresa. Per questo apprezzeremmo molto qualche bonus monopattino in meno e qualche poliziotto in piu’, possibilmente retribuito in modo adeguato”, conclude. (ANSA).



RECOVERY: PIANESE (COISP), ‘DA GOVERNO NEMMENO UN EURO PER LA SICUREZZA’ =
Roma, 14 dic. (Adnkronos) – “Dei 209 miliardi in arrivo con il  Recovery Fund, il governo non prevede nemmeno un euro per la sicurezza dei cittadini e per le donne e gli uomini della Polizia di Stato né  per quelle le altre amministrazioni del comparto Sicurezza e Difesa.  Come è possibile che all’esecutivo sia sfuggito il ruolo svolto dai  poliziotti, nonostante la cronica mancanza di organico, per far rispettare le norme anti Covid, per contrastare la recrudescenza dei  fenomeni criminali predatori e per combattere la criminalità  organizzata che già si sta preparando per godere di parte di quei 209  miliardi?”. Così il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp Domenico Pianese che ha inviato una lettera ai segretari dei  principali partiti in Parlamento.

“Si vuole forse imporre – prosegue – un rinnovo contrattuale che porterà poche decine di euro di aumento stipendiale, continuando a pagare i poliziotti meno di 6 euro nette per ogni ora di lavoro straordinario? La sicurezza è la prima infrastruttura strategica per  un Paese in cui sia possibile esercitare le libertà fondamentali e la  libertà d’impresa. Per questo apprezzeremmo molto qualche bonus monopattino in meno e qualche poliziotto in più, possibilmente  retribuito in modo adeguato”, conclude. (Sig/Adnkronos)


Recovery: Pianese (Coisp), da governo nemmeno un euro per la sicurezza
Roma, 14 dic – (Nova) – Dei 209 miliardi in arrivo con il Recovery fund, il governo “non prevede nemmeno un euro per la sicurezza dei cittadini e per le donne e gli uomini della Polizia di Stato ne’ per quelle le altre amministrazioni del comparto Sicurezza e Difesa”. Lo afferma in una nota il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp Domenico Pianese che sul tema ha inviato una lettera ai segretari dei principali partiti in Parlamento. “Come e’ possibile che all’esecutivo sia sfuggito il ruolo svolto dai poliziotti, nonostante la cronica mancanza di organico, per far rispettare le norme anti Covid, per contrastare la recrudescenza dei fenomeni criminali predatori e per combattere la criminalita’ organizzata che gia’ si sta preparando per godere di parte di quei 209 miliardi? Si vuole forse imporre un rinnovo contrattuale che portera’ poche decine di euro di aumento stipendiale, continuando a pagare i poliziotti meno di 6 euro nette per ogni ora di lavoro straordinario? La sicurezza e’ la prima infrastruttura strategica per un Paese in cui sia possibile esercitare le liberta’ fondamentali e la liberta’ d’impresa.
Per questo apprezzeremmo molto qualche bonus monopattino in meno e qualche poliziotto in piu’, possibilmente retribuito in modo adeguato”, conclude. (Com)



Recovery: Coisp, dal governo nemmeno un euro per la sicurezza  =
(AGI) – Roma, 14 dic. – “Dei 209 miliardi in arrivo con il Recovery Fund, il governo non prevede nemmeno un euro per la sicurezza dei cittadini e per le donne e gli uomini della Polizia di Stato ne’ per quelle le altre amministrazioni del comparto Sicurezza e Difesa”. Cosi’ il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp, Domenico Pianese ,che sull’argomento ha inviato una lettera ai leader dei principali partiti in Parlamento.

“Come e’ possibile – dichiara Pianese – che all’esecutivo sia sfuggito il ruolo svolto dai poliziotti, nonostante la cronica mancanza di organico, per far rispettare le norme anti Covid, per contrastare la recrudescenza dei fenomeni criminali predatori e per combattere la criminalita’ organizzata che gia’ si sta preparando per godere di parte di quei 209 miliardi? Si vuole forse imporre un rinnovo contrattuale che portera’ poche decine di euro di aumento stipendiale, continuando a pagare i poliziotti meno di 6 euro nette per ogni ora di lavoro straordinario?” Il segretario del Coisp sottolinea che la sicurezza “e’ la prima infrastruttura strategica per un Paese in cui sia possibile esercitare le liberta’ fondamentali e la liberta’ d’impresa. Per questo apprezzeremmo molto qualche bonus monopattino in meno e qualche poliziotto in piu’, possibilmente retribuito in modo adeguato”. (AGI)Vic 141448 DIC 20



Recovery, Pianese (Coisp): da governo nemmeno un euro per la sicurezza
Roma, 14 dic. (askanews) – “Dei 209 miliardi in arrivo con il Recovery Fund, il governo non prevede nemmeno un euro per la sicurezza dei cittadini e per le donne e gli uomini della Polizia di Stato né per quelle le altre amministrazioni del comparto Sicurezza e Difesa”. Così il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp Domenico Pianese che sul tema ha inviato una lettera ai segretari dei principali partiti in Parlamento.

“Come è possibile che all’esecutivo sia sfuggito il ruolo svolto dai poliziotti, nonostante la cronica mancanza di organico, per far rispettare le norme anti Covid, per contrastare la recrudescenza dei fenomeni criminali predatori e per combattere la criminalità organizzata che già si sta preparando per godere di parte di quei 209 miliardi? Si vuole forse imporre un rinnovo contrattuale che porterà poche decine di euro di aumento stipendiale, continuando a pagare i poliziotti meno di 6 euro nette per ogni ora di lavoro straordinario? La sicurezza è la prima infrastruttura strategica per un Paese in cui sia possibile esercitare le libertà fondamentali e la libertà d’impresa. Per questo apprezzeremmo molto qualche bonus monopattino in meno e qualche poliziotto in più, possibilmente retribuito in modo adeguato”, conclude.



RECOVERY: PIANESE (COISP), DA GOVERNO NEMMENO UN EURO PER LA SICUREZZA

(AGENPARL) – lun 14 dicembre 2020
“Dei 209 miliardi in arrivo con il Recovery Fund, il governo non prevede nemmeno un euro per la sicurezza dei cittadini e per le donne e gli uomini della Polizia di Stato né per quelle le altre amministrazioni del comparto Sicurezza e Difesa”. Così il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp Domenico Pianese che sul tema ha inviato una lettera ai segretari dei principali partiti in Parlamento. “Come è possibile che all’esecutivo sia sfuggito il ruolo svolto dai poliziotti, nonostante la cronica mancanza di organico, per far rispettare le norme anti Covid, per contrastare la recrudescenza dei fenomeni criminali predatori e per combattere la criminalità organizzata che già si sta preparando per godere di parte di quei 209 miliardi? Si vuole forse imporre un rinnovo contrattuale che porterà poche decine di euro di aumento stipendiale, continuando a pagare i poliziotti meno di 6 euro nette per ogni ora di lavoro straordinario? La sicurezza è la prima infrastruttura strategica per un Paese in cui sia possibile esercitare le libertà fondamentali e la libertà d’impresa. Per questo apprezzeremmo molto qualche bonus monopattino in meno e qualche poliziotto in più, possibilmente retribuito in modo adeguato”, conclude.

SCARICA LA RASSEGNA IN PDF