Migranti: Pianese (Coisp): governo chiude le regioni con Dpcm e dimentica Centri Accoglienza – Comunicato stampa e Agenzie

445
Un barcone di migranti

Migranti: Pianese (Coisp): governo chiude le regioni con Dpcm e dimentica Centri Accoglienza

Roma, 4 Novembre 2020 – “Nel Centro di Accoglienza di Lampedusa la situazione è totalmente fuori controllo: negli ultimi giorni sono sbarcati oltre 1300 migranti clandestini, soprattutto grazie alle modifiche dei dl sicurezza che hanno allentato le maglie dei controlli. Si pensi, ad esempio, che quest’estate, anche nei momenti più critici, si è arrivati a un massimo di 1200 persone, ma oggi la situazione è di gran lunga peggiorata”. Così in una nota Domenico Pianese, segretario generale del sindacato di Polizia Coisp. “Il Centro di Accoglienza dell’isola sta scoppiando: pur potendo contenere un massimo di 190 migranti, oggi ne conta sette volte di più. E anche il personale della Polizia di Stato atto al controllo della struttura conta poche decine di unità, circa 100 in tutto, che non riescono più a gestire l’emergenza. Le condizioni igienico-sanitarie, inoltre, sono disastrose: non vengono più rispettate le norme di sicurezza igienico-sanitaria e in questo modo sia gli agenti e sia i migranti sono esposti quotidianamente al rischio di contagio. Alla luce del nuovo Dpcm e delle nuove restrizioni, come mai il governo non si rende conto che questi Centri rappresentano una bomba a orologeria pronta a esplodere? L’immigrazione deve essere bloccata immediatamente, altrimenti si andrà incontro a una situazione gravissima e senza precedenti” conclude.

AGENZIE STAMPA



CORONAVIRUS: PIANESE (COISP), ‘IN HOTSPOT LAMPEDUSA RISCHIO CONTAGI, CENTRO SCOPPIA’ =

‘Governo chiude Regioni con Dpcm e dimentica centri accoglienza’
Palermo, 4 nov. (Adnkronos) – “Nel centro di accoglienza di Lampedusa la situazione è totalmente fuori controllo: negli ultimi giorni sono sbarcati oltre 1300 migranti clandestini, soprattutto grazie alle modifiche dei dl Sicurezza che hanno allentato le maglie dei controlli. Si pensi, ad esempio, che quest’estate, anche nei momenti più critici, si è arrivati a un massimo di 1200 persone, ma oggi la situazione è di gran lunga peggiorata”. Così in una nota Domenico Pianese, segretario generale del sindacato di Polizia Coisp, che aggiunge: “Il centro di accoglienza dell’isola sta scoppiando: pur
potendo contenere un massimo di 190 migranti, oggi ne conta sette volte di più”.
“Anche il personale della Polizia di Stato atto al controllo della struttura conta poche decine di unità, circa 100 in tutto, che non riescono più a gestire l’emergenza – dice ancora il sindacalista -. Le condizioni igienico-sanitarie, inoltre, sono disastrose: non vengono più rispettate le norme di sicurezza igienico-sanitaria e in questo modo sia gli agenti e sia i migranti sono esposti quotidianamente al rischio di contagio. Alla luce del nuovo Dpcm e delle nuove restrizioni, come mai il governo non si rende conto che questi centri rappresentano una bomba a orologeria pronta a esplodere L’immigrazione deve essere bloccata immediatamente, altrimenti si andrà incontro a una situazione gravissima e senza precedenti”, conclude Pianese. (Loc/Adnronos)


IMMIGRAZIONE: COISP “CON DPCM GOVERNO DIMENTICA CENTRI ACCOGLIENZA”

PALERMO (ITALPRESS) – “Nel Centro di Accoglienza di Lampedusa la situazione e’ totalmente fuori controllo: negli ultimi giorni sono sbarcati oltre 1300 migranti clandestini, soprattutto grazie alle modifiche dei dl sicurezza che hanno allentato le maglie dei controlli. Si pensi, ad esempio, che quest’estate, anche nei momenti piu’ critici, si e’ arrivati a un massimo di 1200 persone, ma oggi la situazione e’ di gran lunga peggiorata”. Cosi’ in una nota Domenico Pianese, segretario generale del sindacato di Polizia Coisp. “Il Centro di Accoglienza dell’isola sta scoppiando: pur potendo contenere un massimo di 190 migranti, oggi ne conta sette volte di piu’ – aggiunge -. E anche il personale della Polizia di Stato atto al controllo della struttura conta poche decine di unita’, circa 100 in tutto, che non riescono piu’ a gestire l’emergenza. Le condizioni igienico-sanitarie, inoltre, sono disastrose: non vengono piu’ rispettate le norme di sicurezza igienico-sanitaria e in questo modo sia gli agenti e sia i migranti sono esposti quotidianamente al rischio di contagio”. (ITALPRESS) – (SEGUE)

IMMIGRAZIONE: COISP “CON DPCM GOVERNO DIMENTICA CENTRI ACCOGLIENZA”-2-
“Alla luce del nuovo Dpcm e delle nuove restrizioni, come mai il governo non si rende conto che questi Centri rappresentano una bomba a orologeria pronta a esplodere? L’immigrazione deve essere bloccata immediatamente, altrimenti si andra’ incontro a una situazione gravissima e senza precedenti”, conclude. (ITALPRESS).


Coisp: in Cpa Lampedusa situazione fuori controllo Governo chiude regioni con Dpcm e dimentica Centri Accoglienza

Roma, 4 nov. (askanews) – “Nel Centro di Accoglienza di Lampedusa la situazione è totalmente fuori controllo: negli ultimi giorni sono sbarcati oltre 1300 migranti clandestini, soprattutto grazie alle modifiche dei dl sicurezza che hanno allentato le maglie dei controlli. Si pensi, ad esempio, che quest’estate, anche nei momenti più critici, si è arrivati a un massimo di 1200 persone, ma oggi la situazione è di gran lunga peggiorata”. Così in una
nota Domenico Pianese, segretario generale del sindacato di Polizia Coisp.

“Il Centro di Accoglienza dell’isola sta scoppiando: pur potendo contenere un massimo di 190 migranti, oggi ne conta sette volte di più. E anche il personale della Polizia di Stato atto al controllo della struttura conta poche decine di unità, circa 100 in tutto, che non riescono più a gestire l’emergenza. Le condizioni igienico-sanitarie, inoltre, sono disastrose: non vengono più rispettate le norme di sicurezza igienico-sanitaria e in questo modo sia gli agenti e sia i migranti sono esposti quotidianamente al rischio di contagio. Alla luce del nuovo Dpcm e delle nuove restrizioni, come mai il governo non si rende conto che questi Centri rappresentano una bomba a orologeria pronta a esplodere? L’immigrazione deve essere bloccata immediatamente, altrimenti si andrà incontro a una situazione gravissima e senza precedenti” conclude.


Migranti: Coisp, governo chiude regioni ma no Centri Accoglienza =

(AGI) – Roma, 4 nov. – “Alla luce del nuovo dpcm e delle nuove restrizioni, come mai il governo non si rende conto che questi Centri rappresentano una bomba a orologeria pronta a esplodere?
L’immigrazione deve essere bloccata immediatamente, altrimenti si andra’ incontro a una situazione gravissima e senza precedenti”. Cosi’ in una nota Domenico Pianese, segretario generale del sindacato di Polizia Coisp, evidenziando che nel Centro di Accoglienza di Lampedusa “la situazione e’ totalmente fuori controllo: negli ultimi giorni sono sbarcati oltre 1300 migranti clandestini, soprattutto grazie alle modifiche dei dl sicurezza che hanno allentato le maglie dei controlli. Si pensi, ad esempio, che quest’estate, anche nei momenti piu’ critici, si e’ arrivati a un massimo di 1200 persone, ma oggi la situazione e’ di gran lunga peggiorata”.
Il Centro di Accoglienza dell’isola “sta scoppiando: pur potendo contenere un massimo di 190 migranti, oggi ne conta sette volte di piu’. E anche il personale della Polizia di Stato atto al controllo della struttura conta poche decine di unita’, circa 100 in tutto, che non riescono piu’ a gestire l’emergenza. Le condizioni igienico-sanitarie, inoltre, sono disastrose: non vengono piu’ rispettate le norme di sicurezza igienico-sanitaria e in questo modo sia gli agenti e sia i migranti sono esposti quotidianamente al rischio di contagio”. (AGI)Vic


Dpcm, Pianese (Coisp): Governo chiude Regioni e dimentica centri accoglienza

Milano, 4 nov. (LaPresse) – “Nel centro di accoglienza di Lampedusa la situazione è totalmente fuori controllo: negli ultimi giorni sono sbarcati oltre 1300 migranti clandestini, soprattutto grazie alle modifiche dei dl sicurezza che hanno allentato le maglie dei controlli. Si pensi, ad esempio, che quest’estate, anche nei momenti più critici, si è arrivati a un massimo di 1200 persone, ma oggi la situazione è di gran lunga peggiorata”. Così in una nota Domenico Pianese, segretario generale del sindacato di polizia Coisp. “Il centro di accoglienza dell’isola – sottolinea – sta scoppiando: pur potendo contenere un massimo di 190 migranti, oggi ne conta sette volte di più. E anche il personale della Polizia di Stato atto al controllo della struttura conta poche decine di unità, circa 100 in tutto, che non riescono più a gestire l’emergenza. Le condizioni igienico-sanitarie, inoltre, sono disastrose: non vengono più rispettate le norme di sicurezza igienico-sanitaria e in questo modo sia gli agenti e sia i migranti sono esposti quotidianamente al rischio di contagio. Alla luce del nuovo Dpcm e delle nuove restrizioni, come mai il governo non si rende conto che questi Centri rappresentano una bomba a orologeria pronta a esplodere? L’immigrazione deve essere bloccata immediatamente, altrimenti si andrà incontro a una situazione gravissima e senza precedenti”, conclude Pianese. POL NG01 lrs 041912 NOV 20 ********


Migranti: Pianese (Coisp): governo chiude le regioni con Dpcm e dimentica Centri Accoglienza

Roma, 4 Novembre 2020 – “Nel Centro di Accoglienza di Lampedusa la situazione è totalmente fuori controllo: negli ultimi giorni sono sbarcati oltre 1300 migranti clandestini, soprattutto grazie alle modifiche dei dl sicurezza che hanno allentato le maglie dei controlli. Si pensi, ad esempio, che quest’estate, anche nei momenti più critici, si è arrivati a un massimo di 1200 persone, ma oggi la situazione è di gran lunga peggiorata”. Così in una nota Domenico Pianese, segretario generale del sindacato di Polizia Coisp. “Il Centro di Accoglienza dell’isola sta scoppiando: pur potendo contenere un massimo di 190 migranti, oggi ne conta sette volte di più. E anche il personale della Polizia di Stato atto al controllo della struttura conta poche decine di unità, circa 100 in tutto, che non riescono più a gestire l’emergenza. Le condizioni igienico-sanitarie, inoltre, sono disastrose: non vengono più rispettate le norme di sicurezza igienico-sanitaria e in questo modo sia gli agenti e sia i migranti sono esposti quotidianamente al rischio di contagio. Alla luce del nuovo Dpcm e delle nuove restrizioni, come mai il governo non si rende conto che questi Centri rappresentano una bomba a orologeria pronta a esplodere? L’immigrazione deve essere bloccata immediatamente, altrimenti si andrà incontro a una situazione gravissima e senza precedenti” conclude.

SCARICA LA RASSEGNA COMPLETA IN PDF