Inaccettabile grave disinteresse verso i diritti del personale del Reparto Prevenzione Crimine “Piemonte” aggregato a Gorizia

474

Roma, 19 luglio 2022

MINISTERO DELL’INTERNO
DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA
SEGRETERIA DEL DIPARTIMENTO
UFFICIO RELAZIONI SINDACALI DELLA POLIZIA DI STATO

OGGETTO: Inaccettabile grave disinteresse verso i diritti del personale del Reparto Prevenzione Crimine “Piemonte” aggregato a Gorizia. Richiesta di intervento urgente

Condividendone appieno i contenuti, che questa Segreteria Nazionale fa propri, si trasmette l’unita lettera della Segreteria Provinciale COISP di Torino, indirizzata peraltro al Questore di quella provincia e di quella di Gorizia nonché al dirigente del Reparto Prevenzione Crimine “Piemonte”, con la quale si denunciano
– le assurde condizioni cui sono costretti, presso l’Hotel Trieste di Gradisca d’Isonzo, i nostri Colleghi del menzionato R.P.C. in servizio fuori sede presso la Questura di Gorizia, alloggiati in camere la cui superficie non arriva a 15 mq, prive di armadi e cassetti ove riporre gli indumenti, mancanti di una scrivania e sedie, con uno dei due letti posto a ridosso del muro così da impedire l’apertura dell’unica finestra (e quindi una necessaria ventilazione della stanza) e l’altro collocato lungo la parete opposta con uno specchio per testiera e lo spigolo di una mensola pericolosamente a fianco dello spazio ove è collocato il cuscino … in totale spregio ai contenuti delle circolari ministeriali recanti le indicazioni anti-Covid con riguardo alla sistemazione alloggiativa del personale;
– l’incomprensibile volontà di disporre un servizio h24 presso il casello autostradale di Villesse (GO) per monitorare il flusso veicolare dei mezzi provenienti dall’Ucraina (flusso che attualmente è pressoché nullo), con l’impiego tanto del personale del richiamato Reparto Prevenzione Crimine che della Polizia di Frontiera di Gorizia, obbligato a rischi per la loro sicurezza (peraltro rappresentati formalmente dallo stesso personale) e senza alcun riparo dalle elevate temperature se non il veicolo di Polizia comunque parcheggiato sotto il sole;
– la scarsa qualità dei pasti somministrati ai citati Colleghi in missione presso la mensa di servizio della Questura di Gorizia (la consumazione del 2° ordinario avviene ogni giorno con quello che è avanzato dal 1° ordinario senza alcuna integrazione, vi è un totale disinteresse verso le allergie alimentari segnalate dal personale, etc. etc..).
In breve, ciò che si evidenzia è un totale inaccettabile disinteresse verso i diritti dei Poliziotti che codesto Ufficio vorrà far cessare intervenendo con ogni possibile urgenza.
In attesa di cortese urgente riscontro, l’occasione è gradita per inviare i più Cordiali Saluti.

La Segreteria Nazionale del COISP

SCARICA LA NOTA IN PDF