È tutto concesso purché sia contro la Polizia di Stato?

5301

Roma, 22 luglio 2020

MINISTERO DELL’INTERNO
DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA
SEGRETERIA DEL DIPARTIMENTO
UFFICIO PER LE RELAZIONI SINDACALI

OGGETTO: È tutto concesso purché sia contro la Polizia di Stato?

Sono giunte a questa Segreteria alcune segnalazioni sia da parte di colleghi che di privati cittadini i quali ci hanno chiesto come sia possibile che sia stato concesso l’uso di un veicolo e di alcune divise della Polizia di Stato per realizzare un videoclip che di certo è lesivo dell’immagine della nostra Amministrazione.
Si tratta, in particolare, di un video, presente su internet (https://www.youtube.com/watch?v=jVXdinuzNqg&feature=youtu.be e altre pagine), realizzato per promuovere un brano di un aspirante cantante, tale Alessandro Vanetti che si sarebbe dato lo pseudonimo di Massimo Pericolo, dove si vede il predetto indossare divise della Polizia di Stato, complete in tutto, e guidare un veicolo con i colori d’istituto sulle
cui fiancate è stato apposto un adesivo con la scritta “PERICOLO” così da nascondere quella “POLIZIA”.
Ora, tralasciando il contenuto del brano musicale (non possiamo essere simpatici a tutti
figuriamoci a chi in passato pare sia stato anche tratto in arresto), ciò che lascia esterrefatti è come sia stato possibile l’evidente utilizzo “in strada” di auto e divise della Polizia da parte del citato Alessandro Vanetti o come sia stata possibile una autorizzazione in tal senso.
Codesto Ufficio è pregato quindi di voler informare i competenti settori del Dipartimento affinché si faccia luce sulla vicenda. In assenza delle previste autorizzazioni si vorrà chiaramente provvedere ad individuare la società proprietaria del veicolo e delle divise, all’applicazione delle dovute sanzioni e all’eventuale revoca della licenza … nonché si vorrà porre in essere un’azione legale a tutela dell’immagine della Polizia di Stato e di richiesta di risarcimento per il danno subito.

In attesa di cortese riscontro si inviano cordiali saluti.

La Segreteria Nazionale del COISP

SCARICA QUESTA NOTA IN PDF