Criteri di massima per gli scrutini per merito comparativo per la promozione dei Funzionari. Osservazioni e richiesta incontro

788
Viminale
Viminale

Roma, 4 dicembre 2019

MINISTERO DELL’INTERNO
DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA
Segreteria del Dipartimento
Ufficio per le Relazioni Sindacali

OGGETTO: Approvazione dei criteri di massima per il triennio 2019-2021 da adottare negli
scrutini per merito comparativo per le promozioni alle varie qualifiche delle carriere dei funzionari della Polizia di Stato.
Richiesta incontro

In merito alla nota 555/RS/01/1/6485 del 27 novembre u.s., con la quale codesto Ufficio per le Relazioni Sindacali ha trasmesso alle organizzazioni sindacali più rappresentative, ai sensi dell’art.27, d.P.R. 18 giugno 2002, n. 164, la proposta della Direzione Centrale per le Risorse Umane concernente i criteri di massima di cui all’oggetto, la Federazione COISP ritiene di presentare le seguenti osservazioni valide tanto per i funzionari che espletano funzioni di polizia, quanto per i funzionari tecnici e per i medici:

1) Si nota una discrepanza di punteggio tra le tabelle 1A e le tabelle 1B, relative ai
punteggi da attribuire da una parte per i rapporti informativi e i giudizi complessivi per i
funzionari e dall’altra parte per le schede valutative dell’attività dirigenziale, poiché a
parità di giudizio (insufficiente/non conforme) il punteggio attribuito in base alle tabelle
1A è nettamente più basso (4,60 a fronte di 5,50). Si chiede, pertanto, di partire dal
medesimo punteggio di 5,50
e di recuperare i 0,90 punti eccedenti nella tabella 1A,
attribuendo 11,30 punti al punteggio di 72 e 11,40 al punteggio di 72+1, inoltre
diminuendo gli incrementi da 0,50 a 0,30 per il passaggio del giudizio da insufficiente a
mediocre e da mediocre a buono e da 0,50 a 0,40 per il passaggio del giudizio da buono
a distinto e da distinto ad ottimo.

2) Per quanto riguarda la categoria II – B si chiede di considerare tra gli incarichi di
insegnamento anche quelli effettuati per i corsi di specialità e, in generale, tutti i corsi
di formazione istituiti e svolti presso l’Amministrazione della Pubblica Sicurezza
e non
soltanto quelli relativi alla prima formazione d’ingresso (agenti, vice ispettori,
funzionari) o ai passaggi di ruolo interni.

Il COISP ha rilevato, inoltre, che esistono delle disparità di trattamento tra funzionari che
espletano funzioni di polizia e funzionari tecnici e medici; in particolare:

1) Per la categoria II viene riconosciuto un punteggio complessivo di 4 punti per i
funzionari che espletano funzioni di polizia, mentre per gli altri funzionari il punteggio
complessivo corrisponde a 3 punti, poiché viene attribuito un punteggio superiore tanto
per la tabella A (Incarichi particolari svolti nell’Amministrazione), quanto per la tabella
D (Ulteriori incarichi particolari), laddove, viceversa, in relazione alla categoria III -D
(Titoli di studio e di abilitazione professionale non obbligatori) ai funzionari che espletano funzioni di polizia è riconosciuto un punteggio massimo di 1,50 punti, mentre agli altri funzionari è conferibile un punteggio massimo di 4 punti. Sebbene si comprenda che tra gli ulteriori incarichi particolari vi sia la fattispecie di commissario e sub commissario prefettizio ecc., che non riguarda anche i funzionari tecnici e i medici, si ritiene che il punteggio attribuito per i titoli di studio e le abilitazioni professionali per i funzionari ccdd. ordinari sia troppo basso, per cui si propone che venga incrementato quanto meno di 0,5 punti, riducendo il punteggio o per la categoria II o per la categoria III – E, anche in considerazione della mancanza di ogni riconoscimento per le lauree triennali, che va assolutamente sanata.

2) Si evidenzia, inoltre, che sebbene per la categoria III – B, vale a dire per le
pubblicazioni scientifiche ed incarichi accademici, sia previsto lo stesso punteggio
massimo di 1 punto, inspiegabilmente ai funzionari che espletano funzioni di polizia
sono conferiti dei punteggi singoli inferiori per gli incarichi di insegnamento
universitario in corsi di laurea (0,20 a fronte di 0,35) e per gli incarichi di insegnamento
in master e/o corsi di perfezionamento o specializzazione universitari (0,10 invece di
0,20). Si chiede che venga garantito il medesimo trattamento per tutti i funzionari, vale
a dire quello attualmente previsto per i funzionari tecnici e medici
.

Per quanto concerne, infine, i funzionari tecnici e i medici:

1) Si rimarca che nell’ambito della categoria II – C (Incarichi di partecipazione a comitati
e gruppi di lavoro) per i funzionari tecnici sono escluse le commissioni di collaudo,
acquisto e fuori uso (tanto per il presidente, quanto per i componenti), mentre per i
medici della Polizia di Stato è riconosciuto soltanto il compito di presidente di
commissione di collaudo, acquisto e fuori uso, ma non quello di componente. Si chiede,
pertanto, che venga riconosciuto per tutti i ruoli l’incarico sia di presidente, sia di
componente delle commissioni di collaudo, acquisto e fuori uso, tra quelli che
consentono il conferimento del punteggio previsto per la categoria II -C
.

2) Si chiede, infine, che vengano riconosciuti a favore anche dei funzionari tecnici e dei
medici tutti gli incarichi previsti dalla categoria II – A (Incarichi particolari svolti
nell’Amministrazione), che sono riconosciuti per i funzionari che espletano funzioni di
polizia
, eventualmente prevedendo un incremento del punteggio massimo e riducendo
quello attualmente assegnabile per i titoli di studio.

In considerazione di quanto evidenziato, il COISP chiede la fissazione di un apposito
incontro per effettuare un compiuto confronto sulla rilevante tematica.
Distinti saluti.

La Segreteria Nazionale del COISP