COISP, Procedure straordinarie per l’accesso alla qualifica di Vice Sovrintendente.

619

Procedure straordinarie per l'accesso alla qualifica di Vice Sovrintendente della Polizia di Stato

Come avrete avuto modo di leggere, nel primo semestre dell’anno in corso si sono svolti alcuni incontri tra il Dipartimento e le OO.SS., durante i quali l’Amministrazione manifestò la volontà di porre in essere una procedura straordinaria per l’accesso alla qualifica di Vice Sovrintendente così da rimediare all’enorme arretrato, causato peraltro dal fallimento della stessa Amministrazione nel dare esecuzione alle procedure concorsuali previste dalle norme vigenti.

Il Dipartimento si riproponeva di realizzare, attraverso una procedura straordinaria, il rapido ripianamento dell’organico del ruolo dei Sovrintendenti della Polizia di Stato che, rispetto ad una dotazione organica di 20.000 unità e ad un dato di forza effettiva pari a circa 13.000, regista una grave carenza di oltre 7.000 unità, determinata, per l’appunto, dal notevole ritardo accumulato nelle citate procedure concorsuali.

Negli intenti dell’Amministrazione vi era di provvedere a conseguire quanto sopra mediante una unica procedura concorsuale straordinaria per i posti disponibili, da attuare valutando solamente i titoli e riservata:

a) per il quaranta per cento agli Assistenti Capo;

b) per il sessanta per cento al personale del ruolo degli Agenti e Assistenti che abbia maturato quattro anni di effettivo servizio.

Il COISP, durante i citati incontri, ha evidenziato la propria contrarietà su taluni aspetti della nuova procedura che l’Amministrazione voleva porre in essere, in primis riguardo la volontà di non effettuare anche un esame scritto, come attualmente previsto per il concorso riservato a tutti gli Appartenenti al ruolo degli Agenti ed Assistenti.

Numerose sono state le modifiche che, con la nostra consueta tenacia e caparbietà, riuscimmo ad ottenere sulla iniziale proposta dell’Amministrazione; altre non ci vennero accordate anche grazie alla strafottenza di non pochi Sindacati.

Ebbene, il Consiglio dei Ministri, in data 22 dicembre u.s., ha approvato un decreto legge che proroga “la partecipazione delle Forze armate e di Polizia alle missioni internazionali e gli interventi di cooperazione allo sviluppo e sostegno dei processi di ricostruzione” e nel contesto di tale decreto (all’art. 2 comma 5 lett. b) ha dato attuazione alla procedura straordinaria voluta dal nostro Dipartimento della P.S. per l’accesso alla qualifica di Vice Sovrintendente, consentendo al Ministero dell’Interno, per l’anno 2013, di attivare procedure e modalità concorsuali semplificate per l’accesso alla qualifica di vice sovrintendente, nei limiti dei posti disponibili al 31 dicembre 2012.

Il medesimo comma, alla lettera a), ha altresì previsto la possibilità assumere nuovi Agenti anche in esubero alla dotazione organica prevista dal DPR 335/1982.

Tale decreto legge è adesso alla firma del Presidente della Repubblica e verrà pubblicato in Gazzetta Ufficiale entro il 31 dicembre p.v..

Con la norma di cui sopra è naufragato del tutto, com’è evidente, il tentativo di alcuni di attribuire la qualifica di Vice Sovrintendente agli “idonei non vincitori” dei precedenti concorsi: una pretesa cavalcata a tratti da più sindacati, anche da qualcheduno che inizialmente vi si era opposto fermamente per poi ripensarci, senza alcun pudore, nel periodo delle disdette.

Roma, 27 dicembre 2012

La Segreteria Nazionale del COISP

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here