COISP / CAPODANNO: PESTAGGIO POLIZIOTTO A MARINO, ALTRI DUE FERMI (Adnkronos)

640

CAPODANNO: PESTAGGIO POLIZIOTTO A MARINO, ALTRI DUE FERMI Roma, 3 gen. (Adnkronos) – Gli agenti della Squadra Mobile di Roma e del Commissariato ''Viminale'' questo pomeriggio hanno dato esecuzione al provvedimento di fermo di indiziato di delitto per tentato omicidio emesso dall'Autorita' Giudiziaria di Velletri nei confronti di Alessandro Anzellotti, trentottenne romano, e di Roberto Morelli, ventottenne molisano. I due sono ritenuti responsabili, insieme a Giovanni Santosuosso, di 47 anni, e a un quarto uomo, tuttora ricercato, del tentato omicidio di un ispettore di Polizia che lo scorso 31 dicembre, di ritorno a casa in compagnia della moglie, era intervenuto per sedare una rissa all'esterno di un ristorante a Marino. I tre fermati, ed il quarto uomo, avevano cominciato a litigare tra di loro e con alcuni dipendenti del locale al termine del veglione; la lite, proseguita in strada, era poi degenerata in una vera e propria rissa. In quel momento si trovava a transitare nei pressi del locale la vittima, un Ispettore capo della Polizia di Stato, che assistendo alla scena, arrestava il proprio veicolo e scendeva dall'auto nel tentativo di sedare la disputa. Il poliziotto veniva pero' aggredito ferocemente con pugni e calci al volto, nonostante fosse a terra, colpi che gli causavano molteplici fratture al volto, la rottura della costola con perforazione del polmone e altre gravissime lesioni per le quali veniva ricoverato presso l'Ospedale romano ''San Camillo'', ove tuttora versa in prognosi riservata. Solo l'intervento coraggioso della moglie del poliziotto, che si sdraiava sul corpo del marito, frenava la furia del branco che si dava alla fuga. Le immediate indagini, condotte dalla Squadra Mobile capitolina, in collaborazione con i Commissariati di P.S. di Marino e ''Viminale'', hanno consentito di identificare i presunti responsabili del tentato omicidio. Santosuossi e' stato individuato nelle ore immediatamente successive ai fatti e, la scorsa notte, dopo che la sua posizione e' stata vagliata dall'A.G. di Velletri, e' stato tratto in arresto in esecuzione di un provvedimento di fermo di indiziato di delitto, emesso nella notte dal Pubblico Ministero, che ha interessato anche Anzellotti e Morelli, ai quali la misura restrittiva e' stata notificata questo pomeriggio. I due, attivamente ricercati dalla Polizia, si sono presentati presso gli uffici della Squadra Mobile, da dove sono stati poi tradotti presso il carcere romano di Rebibbia. (Rre/Ct/Adnkronos) 03-GEN-13 17:14 NNNN

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here