Carabiniere ucciso a Lodi, duro intervento del COISP: schiavi invece che servitori (ANSA)

461

CARABINIERE UCCISO:  GRNET.IT, COCER AVVISO ‘RISCHIO CC DA SOLO SERVIZIO CC QUARTIERE DOVEVA ESSERE SVOLTO DA ALMENO 2 MILITARI (ANSA) – ROMA, 4 NOV – Il servizio di carabiniere di quartiere deve essere assicurato da almeno due militari, per garantire la massima tutela. Dopo la morte dell’appuntato Giovanni Sali ieri a Lodi, la circostanza viene ricordata dal sito grnet.it. Che i carabinieri di quartiere svolgessero il proprio compito in due lo chiedeva fin dal 2009 una delibera del Consiglio di base di rappresentanza del Veneto. Il sollecito venne poi fatto proprio dal Cocer dell’Arma che lo rivolse al Comando generale. Il motivo di tanta preoccupazione, prosegue Grnet.it, viene spiegato nella delibera dei Rappresentanti dei militari: ”La Polizia di Stato ha ritenuto doveroso fin dall’inizio garantire la sicurezza dei propri agenti disponendo che il servizio  venisse svolto da due persone” proprio in considerazione del ”continuo aumento dei reati predatori” e dei ”gravissimi episodi di violenza e/o di aggressività anche contro le forze dell’ordine riprese con sempre maggiore frequenza anche dagli organi di informazione e dalla stampa nazionale”. Anche Franco Maccari, segretario generale del sindacato di polizia Coisp, accusa: ”probabilmente ora – rileva – gli scienziati di turno cominceranno a dibattere di quanto sia assurdo che i militari svolgano servizio singolarmente, e non quantomeno in due, o forse no, considerato quanto in Italia si da’ per scontato che gli uomini e le donne che indossano la divisa siano ‘schiavi’ invece che ‘Servitori’, siano ‘sacrificabili’ invece che ‘pronti al sacrificio”’. (ANSA). NE 04-NOV-12

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here