Trasporto migranti da Lampedusa a Porto Empedocle, assoluto disinteresse dell’incolumità dei Poliziotti. Lettera al Capo della Polizia

27914

Roma, 9 luglio 2023

AL SIGNOR CAPO DELLA POLIZIA
DIRETTORE GENERALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA
Prefetto Vittorio PISANI

OGGETTO: Trasporto migranti da Lampedusa a Porto Empedocle – Assoluto disinteresse
dell’incolumità dei Poliziotti.

Preg.mo Signor Capo della Polizia,
i continui sbarchi di migranti a Lampedusa e la necessità di ridistribuirli con urgenza in altri territori del Paese non possono certo giustificare un impiego del personale della Polizia di Stato e delle altre Forze di Polizia nel totale disinteresse della loro salute e incolumità.
Nel pomeriggio di ieri 20 nostri colleghi dei Reparti Mobili di Palermo e Bari unitamente a 10 appartenenti all’Arma dei Carabinieri, che, verosimilmente tutti, già prestavano servizio dalle ore 6:00 della mattina, sono stati comandati a scortare circa 700 migranti a bordo di un traghetto che li ha trasportati da Lampedusa a Porto Empedocle. Il servizio per questi colleghi si è concluso alle 21:45, oltre 15 ore ininterrotte.
Sul traghetto, chiaramente strapieno, Poliziotti e Carabinieri hanno dovuto effettuare un improbabile servizio di vigilanza (soli 30 a fronte di 700 immigrati clandestini) percorrendo i vari ambienti scavalcando letteralmente i predetti migranti che, giocoforza per il loro numero sovrabbondante, occupavano, ammassati per terra, corridoi, scale e salette varie.
Signor Capo della Polizia, i trasporti da Lampedusa a Porto Empedocle come verso altri porti si susseguono ogni giorno stante la necessità di alleggerire l’hotspot della piccola isola. Non è tuttavia tollerabile che si provveda a tale attività impiegando soli 30 Poliziotti e Carabinieri a scortare 700 migranti.
Al di là del fatto che quei 30 nostri colleghi si sono trovati a consumare il pasto (se tale può essere chiamato un piatto di pasta, qualche wurstel, un po’ di fagiolini e un pezzo di pane) praticamente assieme ai soggetti che dovevano vigilare, le indicibili condizioni di lavoro che sono state garantite a Poliziotti e Carabinieri sono ben testimoniate nelle immagini riportate nella pagina che segue .. e sono inaccettabili.
Certi di un Suo approfondimento sulla vicenda, si coglie l’occasione per rinnovare i più profondi sentimenti di stima.

Il Segretario Generale del COISP
Domenico Pianese

SCARICA LA NOTA IN PDF