Sicurezza: Pianese (Coisp), violenza giovanile allarmante, si investa in formazione

373

Sicurezza: Pianese (Coisp), violenza giovanile allarmante, si investa in formazione

Roma, 30 Giugno 2023 – L’assassinio della giovanissima Michelle Causo a Roma e quello del coetaneo Giuseppe Turco a Casal di Principe “evidenziano un drammatico e diffuso problema di violenza giovanile con cui le Forze di Polizia si confrontano da tempo”. Lo ha dichiarato il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp, Domenico Pianese.
“Il ricorso alla violenza cieca da parte di giovanissimi, così come la nascita di baby gang che in alcuni casi tengono in scacco interi quartieri delle città’ – ha proseguito – sono un fenomeno che desta un sempre maggiore allarme sociale”. “Tutto ciò – ha sottolineato – pone all’attenzione delle Istituzioni la necessità di investire in formazione all’interno delle scuole primarie, anche per il corretto utilizzo dei social network”. “Chi, come gli agenti di Polizia, quotidianamente lavora in strada – ha concluso -, evidenzia che molti ragazzi hanno ormai grandi difficoltà a distinguere il bene dal male e a capire perché è importante rispettare gli altri e le regole della convivenza civile”.

AGENZIE STAMPA

COISP, LA VIOLENZA GIOVANILE È UN DRAMMATICO PROBLEMA
‘DA PRIMAVALLE A CASAL DI PRINCIPE C’È ALLARME SOCIALE’
(ANSA) – ROMA, 30 GIU – “L’assassinio della giovanissima Michelle Causo a Roma e quello del coetaneo Giuseppe Turco a Casal di Principe evidenziano un drammatico e diffuso problema di violenza giovanile con cui le Forze di Polizia si confrontano da tempo. Il ricorso alla violenza cieca da parte di giovanissimi, così come la nascita di baby gang che in alcuni casi tengono in scacco interi quartieri delle città, sono un fenomeno che desta un sempre maggiore allarme sociale”. Lo dichiara i il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp, Domenico Pianese.
“Tutto ciò – osserva Pianese – pone all’attenzione delle istituzioni la necessità di investire in formazione all’interno delle scuole primarie, anche per il corretto utilizzo dei social
network. Chi, come gli agenti di Polizia, quotidianamente lavora in strada, evidenzia che molti ragazzi hanno ormai grandi difficoltà a distinguere il bene dal male e a capire perché è importante rispettare gli altri e le regole della convivenza civile”. (ANSA).

SICUREZZA: PIANESE (COISP), ‘VIOLENZA GIOVANILE ALLARMANTE, SI INVESTA IN FORMAZIONE’ =
Roma, 30 giu. (Adnkronos) – ”L’assassinio della giovanissima Michelle Causo a Roma e quello del coetaneo Giuseppe Turco a Casal di Principe, evidenziano un drammatico e diffuso problema di violenza giovanile con cui le forze di polizia si confrontano da tempo. Il ricorso alla violenza cieca da parte di giovanissimi, così come la nascita di baby gang che in alcuni casi tengono in scacco interi quartieri delle città, sono un fenomeno che desta un sempre maggiore allarme sociale”. Lo dichiara in una nota il segretario generale del
sindacato di Polizia Coisp, Domenico Pianese.
”Tutto ciò pone all’attenzione delle istituzioni la necessità di investire in formazione all’interno delle scuole primarie, anche per il corretto utilizzo dei social network – conclude – Chi, come gli agenti di polizia, quotidianamente lavora in strada, evidenzia che molti ragazzi hanno ormai grandi difficoltà a distinguere il bene dal male e a capire perché è importante rispettare gli altri e le regole della convivenza civile”. (Sci/Adnkronos)

Sicurezza: Pianese (Coisp), violenza giovanile allarmante, si investa in formazione
Roma, 30 giu – (Nova) – L’assassinio della giovanissima Michelle Causo a Roma e quello del coetaneo Giuseppe Turco a Casal di Principe “evidenziano un drammatico e diffuso problema di violenza giovanile con cui le Forze di Polizia si confrontano da tempo”. Lo ha dichiarato il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp, Domenico Pianese.
“Il ricorso alla violenza cieca da parte di giovanissimi, cosi’ come la nascita di baby gang che in alcuni casi tengono in scacco interi quartieri delle citta’ – ha proseguito -, sono un fenomeno che desta un sempre maggiore allarme sociale”. “Tutto cio’ – ha sottolineato – pone all’attenzione delle istituzioni la necessita’ di investire in formazione all’interno delle scuole primarie, anche per il corretto utilizzo dei social network”. “Chi, come gli agenti di Polizia, quotidianamente lavora in strada – ha concluso -, evidenzia che molti ragazzi hanno ormai grandi difficolta’ a distinguere il bene dal male e a capire perche’ e’ importante rispettare gli altri e le regole della convivenza civile”. (Rin)

SICUREZZA. PIANESE (COISP): VIOLENZA GIOVANILE ALLARMANTE
SI INVESTA IN FORMAZIONE
(DIRE) Roma, 30 giu. – “L’assassinio della giovanissima Michelle Causo a Roma e quello del coetaneo Giuseppe Turco a Casal di Principe, evidenziano un drammatico e diffuso problema di violenza giovanile con cui le Forze di Polizia si confrontano da tempo. Il ricorso alla violenza cieca da parte di giovanissimi, così come la nascita di baby gang che in alcuni casi tengono in scacco interi quartieri delle città, sono un fenomeno che desta un sempre maggiore allarme sociale”. Lo dichiara in una nota il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp, Domenico Pianese. “Tutto ciò pone all’attenzione delle istituzioni la necessità di investire in formazione all’interno delle scuole primarie, anche per il corretto utilizzo dei social network. Chi, come gli agenti di Polizia, quotidianamente lavora in strada, evidenzia che molti ragazzi hanno ormai grandi difficoltà a distinguere il bene dal male e a capire perché è importante rispettare gli altri e le regole della convivenza civile”, conclude. (Com/Pol/Dire)

SICUREZZA, PIANESE (COISP): VIOLENZA GIOVANILE ALLARMANTE, SI INVESTA IN FORMAZIONE
(9Colonne) Roma, 30 giu . “L’assassinio della giovanissima Michelle Causo a Roma e quello del coetaneo Giuseppe Turco a Casal di Principe, evidenziano un drammatico e diffuso problema di violenza giovanile con cui le Forze di Polizia si confrontano da tempo. Il ricorso alla violenza cieca da parte di giovanissimi, così come la nascita di baby gang che in alcuni casi tengono in scacco interi quartieri delle città, sono un fenomeno che desta un sempre maggiore allarme sociale”. Lo dichiara in una nota il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp, Domenico Pianese. “Tutto ciò pone all’attenzione delle istituzioni la necessità di investire in formazione all’interno delle scuole primarie, anche per il corretto utilizzo dei social network. Chi, come gli agenti di Polizia, quotidianamente lavora in strada, evidenzia che molti ragazzi hanno ormai grandi difficoltà a distinguere il bene dal male e a capire perché è importante rispettare gli altri e le regole della convivenza civile”, conclude. (fre)

SCARICA LA RASSEGNA IN PDF