Sezione Polizia Stradale di Palermo, necessaria una urgente ispezione ministeriale

343

Roma, 6 settembre 2021

MINISTERO DELL’INTERNO
DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA
SEGRETERIA DEL DIPARTIMENTO
UFFICIO RELAZIONI SINDACALI DELLA POLIZIA DI STATO
c.a. Signor Direttore, Vice Prefetto Maria De Bartolomeis

OGGETTO: Sezione Polizia Stradale di Palermo – Necessaria una urgente ispezione ministeriale.

Preg.mo Direttore,
La prego di porre in essere particolare attenzione nella lettura della presente e, preso atto del suo contenuto, che riguarda la gestione della Sezione Polizia Stradale di Palermo, di adoperarsi affinché venga effettuata una urgente ispezione presso il predetto Ufficio.

Per quanto segnalato a questa O.S., in tempi recenti il Dirigente della predetta Sezione sarebbe venuto a conoscenza di gravissime infrazioni poste in essere da personale in servizio presso il dipendente Ufficio Servizi e seppure le stesse, qualora accertate, potevano essere di competenza di ben altre Autorità, ha ritenuto di dover trattare la questione “in famiglia” … delegando ad effettuare una attività di controllo altri colleghi dello stesso Ufficio Servizi, peraltro subordinati a chi era oggetto dell’attività amministrativa.

L’istruttoria pare abbia portato ad acclarare condotte meritevoli di rilevo disciplinare (non è dato sapere, a noi, al momento, se vi fossero rilevanze di ben altro genere), chiaramente poste in essere sfruttando posizioni di rilievo all’interno dell’Ufficio di appartenenza (il citato Ufficio Servizi).

Nonostante quanto sopra il predetto personale ha potuto tranquillamente proseguire a svolgere la propria attività lavorativa nel medesimo Ufficio Servizi (chiunque altro, in qualsivoglia altro Ufficio di Polizia, di certo sarebbe stato immediatamente assegnato a diverso incarico) e, ritenendo gli iscritti a questa O.S. responsabili per le contestazioni disciplinari di cui sopra, avrebbe iniziato ad apostrofarli con epiteti affatto gradevoli e ad indirizzare nei loro confronti una gestualità, il cui significato a Palermo è chiaro a tutti i Poliziotti, che non dovrebbe poter essere propria di appartenenti alla Polizia di Stato.

Ora, alle citate gravi violazioni, come denunciato di recente dalla nostra Segreteria Provinciale di Palermo al Dirigente di cui sopra, emerge la possibilità di effettuare straordinario emergente in via prioritaria sempre alle medesime risacche di privilegio, una ripartizione delle reperibilità sbilanciata, l’elargizione dei premi in denaro attribuiti quasi in via esclusiva sempre ai medesimi appartenenti alla Polizia di Stato escludendo tutto il resto del personale, talvolta più meritevole per l’attività lavorativa svolta ed i rischi corsi.

Le norme sull’uso della divisa pare inoltre non avere rilevanza nei confronti di coloro che sono in forza presso il ridetto Ufficio Servizi, e non solo tale Ufficio.
In sintesi pare che, con il tacito benestare del Dirigente, presso la Sezione Polizia Stradale di Palermo sia del tutto normale una gestione assolutamente disomogenea e connotata da una pervicace parzialità amministrativa. Se poi vengono alla luce fatti gravi vi si rimedia come meglio si può, senza troppo ledere i responsabili, e poi si prosegue come prima.

La veridicità di quanto rappresentato è in atti e in parte già acclarati dalla stessa Amministrazione, che però fino ad oggi non pare avere intenzione di porvi fine.
In aggiunta a quanto sopra, la superficiale attenzione posta dalla dirigenza della predetta Sezione Polizia Stradale ha effetti anche presso la dipendente Sottosezione Polizia Stradale di Buonfornello (PA) la quale consta di nr. 58 dipendenti, di cui nr. 3 aggregati, e comprende ben nr. 19 addetti ai servizi burocratici e nr. 39 in servizio continuativo di vigilanza stradale.

La Sottosezione, a livello di turnazione non continuativa è organizzata con un Ufficio Comando, un Ufficio di Polizia Giudiziaria, Ufficio Infortunistica, Ufficio automezzi, Ufficio servizi e Segreteria, ma ha anche visto per un periodo la creazione di un Ufficio Verbali, pur non figurando nell’ordine di servizio giornaliero, composto da tre dei quattro componenti della Segreteria, quanto la sua attività negli anni trascorsi era affidata all’Ufficio Verbali della Sezione di Palermo … e l’istituzione del responsabile I.C.T. all’interno dell’Ufficio Automezzi, seppur tale incarico è solitamente di esclusiva competenza delle Sezioni.

Insomma, una eccessiva presenza di personale addetto a competenze burocratiche o comunque in turnazione non continuativa, a discapito dei c.d. pattuglianti che devono subire carichi di lavoro esorbitanti.

Preg.mo Direttore, Lei ben sa che non è caratteristica di questa O.S. portare le questioni che ci riguardano in ambiti esterni alla nostra Amministrazione, avendo noi molto a cuore che l’apprezzamento dei cittadini della nostra Polizia di Stato sia elevato. La “discrezionalità particolareggiata” nei confronti del personale da parte del Dirigente della Sezione Polizia Stradale di Palermo deve tuttavia cessare, non potendosi accettare il proseguire delle situazioni prima esposte.

Come sopra rappresentato, La prego quindi di voler ottenere dai competenti settori del Dipartimento una urgente e coscienziosa ispezione presso la ridetta Sezione della Polizia Stradale.
Riteniamo che non bisogna rassegnarsi e assuefarsi ad uno stato delle cose sbagliato e non conforme alle norme, ma bisogna urgentemente intervenire affinché la gestione ed i comportamenti presso i predetti Uffici della Polizia di Stato sia ricondotta, nel rispetto delle norme vigenti, ad una equidistante conduzione del personale.

In attesa di cortese urgente riscontro, l’occasione è gradita per inviare i più Cordiali Saluti.

Il Segretario Generale del COISP
Domenico Pianese

SCARICA QUESTA NOTA IN PDF