Polmonite da nuovo coronavirus (COVID-19) – Trattamento economico per il personale delle Forze di Polizia – Indennità di Ordine Pubblico

766

Roma, 19 marzo 2020

AL SIGNOR CAPO DELLA POLIZIA
Direttore Generale della Pubblica Sicurezza
Prefetto Franco Gabrielli

OGGETTO: Polmonite da nuovo coronavirus (COVID-19) – Trattamento economico per il
personale delle Forze di Polizia – Indennità di Ordine Pubblico.

Preg.mo Signor Capo della Polizia,
lo scorso 12 marzo, con l’allegata nota recante prot. 188/2020 S.N., chiedemmo alla S.V. di intervenire in modo che fosse assicurata la corresponsione dell’indennità di ordine pubblico a tutto il personale chiamato a svolgere servizi volti a garantire il contenimento della situazione pandemica da infezione da nuovo coronavirus (COVID – 19).

Con apposita circolare prot. nr. 7182 dello scorso 13 marzo, allo scopo di assicurare uniformità nel trattamento economico da erogare, la S.V. ha disposto che «per il carattere eccezionale della predetta emergenza […] al personale della Polizia di Stato impegnato esclusivamente in servizi operativi esterni su strada di ordine e sicurezza pubblica, nel periodo dal 9 marzo e fino a cessate esigenze» spetta l’indennità di ordine pubblico.

La questione sembrava risolta, ma, purtroppo, alcuni, seppur pochi, non hanno compreso la ratio della Sua disposizione e non hanno adeguatamente considerato la drammatica, attuale situazione emergenziale, che il personale sta affrontando su strada, negando un’indennità, che era, comunque, assolutamente coerente con il dettato normativo.
I predetti comportamenti hanno indotto la S.V. ad adottare, in data 16 marzo u.s., un’ulteriore circolare, con la quale è stato definitivamente chiarito che la citata indennità di ordine pubblico era dovuta per «tutte le attività di controllo del territorio finalizzate all’osservanza delle particolari prescrizioni imposte per contenere la diffusione del contagio da nuovo coronavirus COVID-19», quindi, a mero titolo esemplificativo, a tutti i componenti «delle pattuglie degli U.P.G.S.P., delle Autoradio dei Commissariati, della Polizia Stradale, della Polizia Ferroviaria, della Polizia di Frontiera, dei Reparti Prevenzione Crimine, così come dei dispositivi assimilabili dispiegati dalle altre Forze di polizia».

Ora, però, sta sorgendo una nuova problematica, che riguarda un’asserita impossibilità di attribuire l’indennità prevista dalla Convenzione con le Società autostradali per i servizi resi dai Poliziotti della Polizia Stradale in ambito autostradale e contemporaneamente quella per le attività di ordine pubblico.
Con questa singolare, restrittiva ed inopportuna interpretazione si corre il rischio di vanificare l’impegno della Direzione Centrale delle Specialità del Servizio Polizia Stradale e dell’intero Dipartimento della P.S. a favore del personale della Polizia di Stato impegnato a fronteggiare la pandemia da coronavirus.

Attribuire l’indennità di ordine pubblico al personale della Polizia Stradale e contestualmente sottrarre l’indennità autostradale (e, per obbligo di legge, l’indennità per servizi esterni) renderebbe tutte le disposizioni, in premessa elencate, inutili, poiché, infatti, il corrispettivo economico della prima è sostanzialmente identico alla somma delle seconde.
L’eccentrica interpretazione, che configura un’incompatibilità tra l’indennità autostradale e quella di ordine pubblico, non è suffragata, peraltro, né da norme contrattuali né da analogie procedurali che possano sostenerla; al contrario in passato vi sono stati casi in cui, con situazioni simili a quella attuale, le indennità, frutto di convenzioni con società, sono state attribuite congiuntamente all’indennità di ordine pubblico, come accade, tra le altre, addirittura in via ordinaria, per il personale della Polizia Ferroviaria.

Le norme vigenti dispongono che l’indennità di ordine pubblico non è cumulabile SOLAMENTE con l’indennità di missione e con quella per il servizio esterno … NON anche con altri emolumenti, ancor meno se garantiti da enti o società esterni all’Amministrazione!
Ciò stante, La preghiamo, Preg.mo Signor Capo della Polizia, di valutare la possibilità di chiarire che è possibile attribuire al personale in servizio presso la Polizia Stradale sia l’indennità di ordine pubblico sia quella spettante per i servizi autostradali.

In attesa di cortese riscontro, l’occasione è gradita per inviare i più Cordiali Saluti.
Con sincera e profonda stima,

Il Segretario Generale del COISP
Domenico Pianese 

SCARICA QUESTA NOTA IN FORMATO PDF