Polizia di Frontiera di Treviso, mancato riconoscimento buono pasto. Il TAR dà ragione al COISP ed ai colleghi

523

Nel luglio del 2019, a seguito della decisione dell’Amministrazione di cessare l’erogazione dei buoni pasto a favore dei colleghi dell’Ufficio di Polizia di Frontiera ubicato presso l’aeroporto Antonio Canova (riconosciuto “sede disagiata”) e di obbligarli a fruire della mensa sita presso la lontana Questura, il COISP (la Segreteria Provinciale di Treviso e questa Segreteria Nazionale) avviava una decisa vertenza finalizzata all’immediata riattribuzione dei citati buoni pasto.
Tale attività, effettuata peraltro con l’avversità fattiva di alcuni altri sindacati che prendevano le parti dell’Amministrazione anziché dei colleghi, portava ad un primo risultato già a fine del 2019, con il Dipartimento che riconosceva il buono pasto a favore dei Poliziotti del menzionato Ufficio di Polizia di Frontiera di Treviso impiegati in servizio
nei turni 8/14, 13/19 e 19/24 … ma non anche 7/13 e 14/20 e ciò chiaramente non soddisfaceva appieno le nostre ragioni.
La conseguenza è stata quindi la formulazione di un ricorso dinanzi al Tribunale Amministrativo, avanzato dai colleghi e sostenuto anche dal COISP, che nella giornata di ieri ha avuto il suo esito.
Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Prima) ha accolto il ricorso condannando l’Amministrazione resistente a corrispondere ai ricorrenti, dal 26 luglio 2019, i buoni pasto non versati in relazione anche alle fasce orarie 7/13 e 14/20, nonché alla refusione in favore dei ricorrenti delle spese di giudizio.
L’importantissima vittoria ottenuta dai colleghi e dal COISP non nasconde l’amarezza per un’Amministrazione che sovente si ostina a ritenere sbagliato condividere le giuste ragioni del Sindacato … e l’amarezza per alcuni pseudo sindacalisti che invece di cercare di tutelare i colleghi ritengono più facile mettersi dalla parte di un’Amministrazione che in quel momento sta sbagliando.
Ma si sa, di COISP ci siamo solo noi!!

Roma, 12 febbraio 2021

La Segreteria Nazionale del COISP

SCARICA QUESTA NOTA IN PDF