‘NDRANGHETA: COISP, RISULTATI GRAZIE A PROFESSIONALITA’ POLIZIA

399

 

 

 

 

 

‘NDRANGHETA: COISP, RISULTATI GRAZIE A PROFESSIONALITA’ POLIZIA (AGI) – Catanzaro, 17 ott. – “Un plauso ai colleghi della Squadra Mobile della Questura di Catanzaro, agli operatori, al dirigente Rodolfo Ruperti ed al suo vice Angelo Paduano per l’ottima operazione portata a termine in queste ore contro la cosca Giampa’ di Lamezia Terme”. Lo ha detto all’AGI da Giuseppe Brugnano, segretario regionale calabrese del Coisp, il sindacato indipendente di Polizia, a seguito dell’arresto di uno dei piu’ pericolosi killer della cosca Giampa’ di Lamezia Terme fatto a Novara. “E’ evidente – aggiunge – che i risultati vengono ottenuti esclusivamente grazie alla grande professionalita’, alla dedizione, allo spirito di sacrificio degli inquirenti, – continua il segretario regionale del Coisp – chiamati a combattere una guerra impari contro le cosche mafiose. Riteniamo invece che il governo nazionale debba dedicare attenzione prioritaria alle strutture investigative e giudiziarie calabresi, impegnate nella difficile e delicata azione di contrasto alle piu’ pericolose organizzazioni criminali della regione. Sembra invece, in maniera paradossale, che dal Governo Monti non giungano gratificazioni e incoraggiamenti ma l’assoluta incomprensione del “fenomeno Polizia” specie in relazione alla assimilazione del Poliziotto a mero impiegato dello Stato. Anzi, – continua Giuseppe Brugnano – il rigore relativo a tagli continui, all’elevamento dell’eta’ pensionabile , al blocco degli stipendi, al blocco del turn over, alla decapitazione della formazione, sembra maggiormente accanirsi verso i servitori dello Stato in divisa e verso il “fantomatico” Comparto Sicurezza. Si aggiunga anche – fa rilevare – l’assenza fisica in Calabria da parte del Ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri, chiamata piu’ volte da noi per vedere da vicino in che situazioni di precarieta’ operiamo e nonostante tutto si riesce a svolgere in maniera egregia un compito difficile con notevoli risultati come quello portato a termine oggi dalla Mobile catanzarese”. Brugnano esrime solidarieta’ al capo della mobile catanzarese che, secondo un pentito, era nel mirino dei clan lametini. (AGI) Adv 171621 OTT 12 NNNN

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here