Mozzecane (VR), MACCARI (Coisp) al Convegno “Per continuare a non dimenticare”.

623

Mozzecane, incontri sulla legalità : “Per continuare a non dimenticare”

La vedova Montinaro, il procuratore Papalia e il segretario Maccari parleranno di legame tra Stato e mafia 30/11/2012 – Oggi, nella Sala Rossa del Palazzo Scaligero, il presidente della Provincia Giovanni Miozzi ha presentato “Tra Stato e mafia”, terzo appuntamento del ciclo di incontri in difesa della legalità “Per continuare a non dimenticare” nel Comune di Mozzecane.

Il Comune di Mozzecane continua nel suo impegno per tenere vivo il ricordo delle vittime di ogni forma di criminalità. L'incontro, che si terrà stasera con la partecipazione di relatori di spicco, avrà come tema il rapporto tra Stato e mafia, per non scordare un periodo terribile per tutto il Paese a vent'anni dalle stragi di Capaci e via d'Amelio.

Alla serata, che si svolgerà alle 20.45 in Villa Vecelli Cavriani a Mozzecane, racconterà la sua testimonianza un collaboratore di giustizia, ex uomo di “Cosa Nostra”, intervistato dal giornalista di Repubblica Enrico Bellavia. Parteciperanno anche Guido Papalia, procuratore generale della corte d'appello di Brescia; Franco Maccari, segretario generale nazionale del sindacato di Polizia Co.I.S.P e Tina Montinaro vedova di Antonio Montinaro, caposcorta di Giovanni Falcone.

Presidente Miozzi: “É un onore essere qui per presentare quest'ultimo appuntamento di legalità a Mozzecane: un'iniziativa condivisa e sostenuta da noi tutti, per la delicatezza del temi trattati, le testimonianze proposte e l'importanza di informare il pubblico su argomenti di così stretta attualità. 'Per continuare a non dimenticare' non è più solo un importante appuntamento annuale, ma un evento che con gli anni è riuscito a rinnovarsi e crescere, diventando punto di riferimento su questi temi in tutto il territorio veronese, ma direi pure veneto. É importante esserci per fare in modo che non cali mai l'attenzione sulla legalità e che il senso di giustizia sia sempre al centro della vita di tutti noi”.

http://www.veronaoggi.it/2012/novembre/30novembre/newsV116152.htm

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here