Momenti di intensa commozione durante la presentazione del Percorso della Memoria del COISP

1361

Nell’ambito dell’VIII Congresso nazionale, celebrato nelle giornate del 22 e 23 Marzo, il COISP ha ufficialmente presentato il “Percorso della Memoria”, un’iniziativa che, in vista del trentennale delle stragi di Capaci e Via D’Amelio, intende ricordare tutti i Poliziotti, Carabinieri e Magistrati caduti nella lotta alla mafia.
L’obiettivo che si prefigge il COISP è ricordare tutti gli “Eroi Consapevoli” che dal 1979 al 1992 hanno dato la propria vita per difendere le Istituzioni ed i cittadini da una organizzazione criminale eversiva come era ed è la mafia.

La cerimonia, che ha regalato ai presenti momenti di profonda commozione, ha registrato la presenza del Prefetto Franco Gabrielli, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio e Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica.

In apertura il saluto del Segretario Generale del COISP, Domenico Pianese, che ha spiegato davanti ad una platea numerosa ed attenta, le motivazioni alla base dell’iniziativa ed ha elencato i nomi degli eroi che di volta in volta verranno ricordati.

E’ stato poi il momento della proiezione del video che fa da apertura e simbolo del Percorso della Memoria del COISP.
Una clip di grande forza evocativa, che ha lasciato il pubblico in un rispettoso e commosso silenzio.

Al termine della proiezione ha preso la parola il Prefetto Gabrielli che, in un sentito intervento, si è soffermato in particolare su due nomi tra quelli ricordati nel video: Emanuela Loi e Roberto Antiochia. Agenti di Polizia entrambi giovanissimi.
Entrambi esempi fulgidi e potenti di un senso del dovere e dello Stato che va al di là dei limiti dettati dalla propria forza, o energia, o capacità.

Nei prossimi giorni pubblicheremo la prima tappa del nostro cammino ideale, in cui ricorderemo il Dirigente della Squadra Mobile di Palermo Boris Giuliano,
il Giudice Cesare Terranova e il Maresciallo Lenin Mancuso ed Capitano dei Carabinieri Emanuele Basile.