Migranti: Pianese (COISP), ‘Noi soli, in condizioni precarie ad affrontare il fenomeno’ (AdnKronos)

453

(Adnkronos) – “Nel centro di accoglienza di Lampedusa a oggi abbiamo 1500 MIGRANTI – quando il posto ne può tenere al massimo 200 – in condizioni igienico-sanitarie inumane. Molte donne e bambini si trovano a dormire per terra senza un tetto sopra la testa. L’immigrazione è diventata un problema che fa capo unicamente alla polizia. Siamo le vittime predestinate di questo sistema: nei centri di accoglienza ci siamo noi in prima linea, spesso in condizioni davvero precarie e indicibili. La politica si assuma le sue responsabilità e inizi ad affrontare il fenomeno migratorio in modo ordinario e strutturale, smettendo di trattarlo come qualcosa di emergenziale”. Lo dice all’Adnkronos Domenico Pianese, segretario generale del Coordinamento per l’indipendenza sindacale delle forze di polizia (Coisp), commentando le difficoltà delle forze dell’ordine alle prese in questi giorni con migliaia di sbarchi nel Sud Italia. “Invece di concentrarsi sulle esigenze delle forze dell’ordine e dei MIGRANTI – sottolinea Pianese – ci si fossilizza solo sul dibattito ‘tutti dentro’ o ‘nessuno entri’. Molti MIGRANTI vivono ai margini delle nostre città o diventano manodopera della criminalità. Oltre a salvarli, bisogna infatti anche saperli accogliere”.