Lettera Sen. Carlo Giovanardi, risponde Segretario Generale COISP Franco Maccari…

351

 

Caro Maccari,

la mia decisione, e quella del sen. Quagliariello, di lasciare l’NCD è stata certamente determinata, come la goccia che fa traboccare il vaso, dalla arrogante decisione di Governo e PD di mettere all’ordine del giorno del Senato il tema del matrimonio gay, per farlo passare con il voto dei 5 Stelle, superando ogni vincolo di maggioranza.

Devo però sinceramente ammettere che non potevo più accettare di sostenere con il mio voto di fiducia un Governo ed una Maggioranza che non soltanto non fanno nulla per le Forze dell’Ordine ma troppo spesso si schierano contro uomini e donne in divisa, la cui unica colpa è stata quella di trovarsi a gestire situazioni difficili, che avrebbero richiesto un minimo di comprensione e non atteggiamenti da linciaggio.

Sai bene di cosa parlo ed il ruolo che in tutte queste vicende ha giocato il sen. Luigi Manconi, come Presidente della Commissione dei diritti umani del Senato: mi sento pertanto adesso ancora più libero di contrastare queste forzature per continuare a difendere assieme i principi di verità e di giustizia.

Sen. Carlo Giovanardi

—————————————————————-

 

Gentile Sen. Giovanardi,

Lei sa quanto io creda alla politica, intesa come affermazione e rappresentanza di idee, anche e necessariamente molto diverse tra loro.

Il mio impegno sindacale mi porta sempre più spesso a dover ripetere quanto pesi l’assenza di interlocutori disposti ad ascoltare le ragioni di chi rappresenta altri, specialmente una categoria “debole” e mutilata nei diritti come sono i Poliziotti e le Forze dell’Ordine in generale.

Secondo l’art.98 della Costituzione noi siamo al “servizio esclusivo della Nazione”. Ma la Nazione come si occupa di noi?

Il naturale ed obbligato destinatario del dovere di rappresentanza dei poliziotti è il  Capo della Polizia e, per la parte politica, il Ministro dell’Interno. Tutto questo, con Alfano, non accade. Anzi. Lo sciacallaggio di ogni risultato investigativo e la deformazione di ogni dato che riguarda la Sicurezza degli italiani, lo hanno ampiamente dimostrato.

Non è quindi da quella parte politica che ci possiamo attendere impegno a favore delle Forze dell’Ordine, nemmeno dinanzi all’accanimento intriso d’odio di Manconi ed accoliti. Evidentemente paga di più girarsi dall’altra parte e far finta di niente.

Sono certo che, qualsiasi sarà il destino politico che Lei vorrà scegliere, sarà sempre disposto ad ascoltare ed agire a favore dei cittadini onesti che rispettano questo Paese e delle Forze dell’Ordine che sono chiamate a salvaguardarne le regole democratiche.

Un caro saluto

Franco Maccari

 

——————————————————————-

 

 

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here