Istituzione, alle dipendenze della Questura di Roma, dei Distretti di Pubblica Sicurezza. Esito riunione

490

Come richiesto dalla Federazione COISP-MOSAP, questa mattina, in videoconferenza, si è svolto l’esame congiunto della bozza di decreto del Capo della Polizia inerente l’istituzione, alle dipendenze della Questura di Roma, dei Distretti di Pubblica Sicurezza.
L’Amministrazione ha preliminarmente rappresentato i contenuti del provvedimento normativo in esame, specificando che la riorganizzazione dei Commissariati della Questura di Roma in Distretti di Pubblica Sicurezza trae origine da un più ampio progetto di rimodulazione dei presidi della Polizia di Stato nelle 14 città metropolitane, cosi come previsto dal Decreto del Ministro dell’Interno del 16 gennaio 2020.
La Federazione COISP-MOSAP, nel suo articolato intervento, ha rappresentato le molteplici criticità contenute nella predetta progettualità a cominciare dal fatto che si vorrebbe istituire 15 Distretti tanti quanti sono i Municipi di Roma Capitale, nei cui ambiti territoriali dovrebbero operare, senza considerare che l’individuazione dei Municipi nella Città di Roma ha subito modifiche sostanziali nel corso degli anni (in un primo momento erano 12 poi, nel 2001, sono stati ampliati a 19 per poi arrivare all’attuale numero di 15 con l’ultima delibera del Comune di Roma del marzo 2013) con ciò dimostrando come tale numero sia assolutamente fluttuante e potrebbe essere variato ad ogni cambio di amministrazione comunale mettendo in crisi l’impianto dei Distretti di Pubblica Sicurezza contenuto nel decreto in discussione.
La Federazione COISP-MOSAP ha inoltre rappresentato le anomale concentrazioni di responsabilità e competenze che si verificherebbero con la costituzione dei Distretti poiché nei rispettivi ambiti territoriali di competenza diventerebbero l’interfaccia per i Commissariati Sezionali coordinati e per l’Autorità Provinciale di P.S., che è l’interlocutore privilegiato per l’attuazione delle direttive in materia di ordine e sicurezza pubblica.
È stato altresì criticato il demansionamento e la creazione di incomprensibili dipendenze funzionali tra i dirigenti preposti ai Commissariati Sezionali e chi dirige il Distretto, creando un sistema che appare fortemente insostenibile come si evidenzia in modo plateale con la creazione del I Distretto Trevi Campo Marzio che, con la previsione di un Primo Dirigente a guidarlo, raccoglierebbe 10 Commissariati con abnormi compiti di coordinamento e di responsabilità che invero renderebbe opportuno la previsione di un Dirigente Superiore, anche per impedire l’oggettivo demansionamento per gli altri dirigenti dei Commissariati Sezionali dipendenti dal citato Distretto, alcuni dei quali anch’essi aventi la qualifica di Primo Dirigente.
La Federazione COISP-MOSAP ha poi rappresentato gli oggettivi limiti del decreto posto in discussione in quanto non affronta in modo complessivo ed organico le problematiche di una necessaria riorganizzazione territoriale dei Commissariati della Capitale e, diversamente da quanto si vorrebbe fare, non dovrebbe affatto essere succube dalla ripartizione territoriale dei Municipi ma dovrebbe invece seguire una più omogenea distribuzione territoriale dei Commissariati.
Infine, la Federazione COISP-MOSAP ha chiesto che venisse avviato un confronto anche a livello provinciale con le Organizzazioni Sindacali maggiormente rappresentative per poi definire a livello centrale un complessivo esame del provvedimento organizzativo che deve comunque prevedere necessariamente alcune modifiche per non renderlo così pesantemente lesivo della dignità dei Commissariati Sezionali e per salvaguardare i percorsi di crescita professionale del personale di tutti i ruoli.
Al termine dell’incontro l’Amministrazione si è impegnata a continuare il confronto sul provvedimento d’istituzione dei Distretti di Pubblica Sicurezza sia a livello centrale che provinciale ed ha assicurato che saranno attentamente valutate le proposte e le criticità evidenziate.

Roma, 16 giugno 2020

La Segreteria Nazionale della Federazione COISP-MOSAP

SCARICA QUESTO COMUNICATO IN PDF