Impiego del personale presso il C.A.R.A. di Crotone, le cose vanno fatte con la testa e non con la calcolatrice

648

Roma, 23 luglio 2018

MINISTERO DELL’INTERNO
DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA
SEGRETERIA DEL DIPARTIMENTO
UFFICIO PER LE RELAZIONI SINDACALI

Impiego del personale – Le cose vanno fatte con la testa e non con la calcolatrice

Il Dipartimento della P.S. pare abbia imposto al  Compartimento della Polizia Ferroviaria per la Calabria “l’impiego di appartenenti al ruolo degli Ispettori, con esclusione dei Sostituti Commissari”, per i servizi di ordine pubblico presso il C.A.R.A. di Crotone.
Le norme vigenti in merito alle “funzioni” del personale della Polizia di Stato non fanno particolare distinzione tra gli Ispettori Superiori ed i Sostituti Commissari, prevedendo che coloro che rivestono tali qualifiche “sono sostituti ufficiali di pubblica sicurezza e sostituiscono i superiori gerarchici, ove non rivestano la qualità di autorità di pubblica sicurezza, in caso di assenza o impedimento di questi, assumendo anche la qualifica di ufficiale di pubblica sicurezza. Sono, in via principale, i diretti collaboratori del
personale della carriera dei funzionari, svolgendo, in relazione alla formazione accademica e professionale
acquisita, funzioni di indirizzo e di coordinamento, con piena responsabilità, sul personale dipendente, anche appartenente al ruolo degli ispettori”.
Quanto sopra fa rilevare una incomprensibile volontà di salvaguardare taluni colleghi rispetto ad altri che in realtà sono chiamati a svolgere le medesime funzioni dei primi, mentre una eventuale scelta sul personale da impiegare in eventuali attività diverse da quelli in modo regolare svolte, dovrebbe essere fondata sulla valutazione degli oneri che ricadono sul personale in virtù dell’incarico normalmente
attribuitogli.
A titolo di esempio, l’eventuale necessità a Canicattì, per un particolare ed emergente servizio, di un Dirigente in forza presso un Reparto Mobile, potrà mai portare l’Amministrazione a disporre che detto servizio venga fatto dal Comandante del Reparto Mobile prescelto piuttosto che da altro Dirigente che non ha le responsabilità del primo e la necessità di essere il punto di riferimento stabile del proprio Ufficio?
Beh, lo stesso dovrebbe valere nel caso in questione. È necessario un Ispettore? Non può certo essere preso chi è Responsabile di un Posto di Polizia e che deve essere presente nel proprio di Ufficio specie se lo stesso è ritenuto talmente strategico da essere chiamato a garantire una turnazione continuativa.
Insomma, è opportuno smettere di ragionare come se i Poliziotti fossero dei semplici numeri tutti intercambiabili tra loro.
Codesto Ufficio è quindi pregato di voler intervenire, ottenendo che “l’impiego di appartenenti al ruolo degli Ispettori, con esclusione dei Sostituti Commissari”, per i servizi di ordine pubblico presso il C.A.R.A. di Crotone non riguardi i Responsabili dei Posti Polfer o di altri particolari Uffici.
In attesa di cortese urgente riscontro, l’occasione è gradita per inviare i più Cordiali Saluti.

SCARICA LA NOTA IN FORMATO PDF

La Segreteria Nazionale del COISP