Il Reparto Prevenzione Crimine Veneto ed un A.N.Q. sconosciuto, seppur in vigore da quasi 15 anni

1017

Roma, 04 dicembre 2023

MINISTERO DELL’INTERNO
DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA
SEGRETERIA DEL DIPARTIMENTO
UFFICIO RELAZIONI SINDACALI DELLA POLIZIA DI STATO

OGGETTO: Il Reparto Prevenzione Crimine Veneto ed un A.N.Q. sconosciuto, seppur in vigore da quasi 15 anni.

Lo scorso 22 novembre il Dirigente del Reparto Prevenzione Crimine per il Veneto si è incontrato con le Segreterie Provinciali delle OO.SS. maggiormente rappresentative per discutere su un orario di lavoro da applicare ex art. 7, comma 6, dell’ANQ, vale a dire i cc.dd. “orari in deroga”.

Nel corso di tale riunione è emersa una singolare interpretazione dell’ANQ da parte di alcuni sindacati che ha trovato sostegno nella parte pubblica.

In buona sostanza si è preteso che un Sindacato per poter fare proposte in seno a detta riunione ex art. 7 comma 6 e vedersele registrate, doveva rappresentare almeno il 30% degli iscritti nella provincia come previsto dall’art. 6, comma 1, dell’ANQ (si riporta testualmente quanto inserito a verbale: “La Dirigente richiama quanto previsto dall’art. 6, comma 1 A.N.Q.”). Ora, non ci preoccupa certamente la sconoscenza delle norme da parte di qualche sindacato (sono problemi suoi e dei loro iscritti) ma che tale ignoranza sia mostrata anche da chi rappresenta l’Amministrazione non è tollerabile, visto anche che si tratta di una normativa che risale a quasi 15 anni addietro e che non ha mai evidenziato difficoltà interpretative con riguardo agli articoli prima menzionati.

L’articolo 6 dell’ANQ riguarda la “Modifica degli accordi decentrati” ed il comma 1 statuisce che: “Su richiesta del titolare dell’Ufficio ovvero di una o più Organizzazioni Sindacali firmatarie dell’accordo decentrato, che rappresentato il 30% degli iscritti della Provincia, e con le stesse procedure e modalità con cui si è definito l’Accordo, sono avviate specifiche trattative per la definizione di modifiche o integrazioni all’accordo decentrato precedentemente sottoscritto”. Ci si riferisce, com’è evidente anche a chi ha letto l’ANQ una sola volta, di modifiche alla “Contrattazione decentrata” statuita dall’art. 3 ANQ nel cui ambito non rientrano affatto gli orari di lavoro e di servizio che sono indicati al Titolo III (art. 7 e segg.), come anche le procedure per la loro definizione.
Codesto Ufficio è pregato di ricordarlo con ogni possibile urgenza alla dirigenza del Reparto Prevenzione Crimine Veneto.
In attesa di riscontro, l’occasione è gradita per inviare i più Cordiali Saluti.

La Segreteria Nazionale del COISP

SCARICA QUESTA NOTA IN PDF