Commissione per la qualità e la funzionalità del vestiario. Esito incontro del 7 Novembre 2019

626

Si è svolta, il 7 novembre u.s. la riunione della Commissione per la qualità e la funzionalità del vestiario, presieduta dal Prefetto Carmelo Gugliotta, il quale, in apertura dell’incontro, ha inteso puntualizzare di ritenere di estrema importanza il tavolo di riunione e di confronto delle Commissioni Paritetiche, evidenziando che il miglior risultato ottenuto è quello di fornire un prodotto che soddisfi le esigenze per chi opera sul territorio.
Punti all’ordine del giorno: Fondina in polimero; Tessuto quattro stagioni per divisa operativa; Maglia polo in tessuto flame retardant; Guanti operativi; Varie ed eventuali.
Il Prefetto Gugliotta, dopo una breve illustrazione dei punti all’ordine del giorno e dopo aver accennato ai problemi riscontrati alle fondine in dotazione agli Operatori della Polizia di Stato ha lasciato la parola agli esperti dell’UTAM.
In merito al primo punto all’ordine del giorno l’Amministrazione ha comunicato di aver registrato dal 2018 ad oggi il danneggiamento di circa 600 fondine causato dalla rottura del modulo di ancoraggio al cinturone. Tale problema è stato contestato all’azienda fornitrice a cui è stato chiesto di individuare una urgente soluzione. L’azienda, nel riconoscere le
responsabilità,si è resa disponibile a sostituire i moduli passanti dell’intero lotto di 36000 fondine già fornite. A seguito di ciò è stata avviata una sperimentazione sui nuovi moduli passanti che si è conclusa con esito positivo a seguito di una analisi ad elementi finiti condotta dal Politecnico di Milano. Entro il mese di gennaio del 2020 l’azienda fornirà i primi 4000 moduli passanti e concluderà entro il mese di marzo la sostituzione dei passanti all’intero lotto di fondine, dopodichè l’Amministrazione procederà all’acquisto di ulteriori 40 mila fondine in polimero.
La Commissione a seguito di una attenta discussione e dopo aver visionato i tessuti e le caratteristiche dei materiali ha dato il via libera all’avvio della sperimentazione della nuova “uniforme quattro stagioni” che si terrà presso alcuni Istituti di Istruzione o Centri di Formazione della Polizia di Stato. Ha inoltre approvato i seguenti capi di vestiario:
• Maglia polo a maniche corte per divisa operativa con proprietà di resistenza alla fiamma da destinare al personale dei Reparti Mobili della Polizia di Stato;
• Guanti in pelle sintetica touchscreen dotati di noccoliera in tessuto tecnico semi-rigido, resistenti al taglio realizzati in materiale resistente da destinare ai servizi di controllo del territorio e di rimpatrio stranieri irregolari. I medesimi saranno corredati di porta guanti in cordura per il porto al cinturone per divisa operativa. Il COISP ha chiesto di
estendere la destinazione a tutto il personale della Polizia di Stato;
• Tuta per addestramento composta da giacca e pantalone in tessuto da destinare alle attività degli allievi durante i corsi di formazione di base;
• Gilet con scritta Polizia in sostituzione della classica pettorina da abbinare ai capi di vestiario di proprietà del personale da destinare per i servizi di rimpatrio dei cittadini stranieri. Il COISP ha chiesto di estendere la destinazione al personale della Polizia di Stato impiegato nelle attività info-investigative e di polizia giudiziaria e al personale sanitario impiegato neiservizi resi in abiti civili;
• Giacca composta da più materiali: cordura, poliestere, poliammide, membrana impermeabile traspirante ed antivento da destinare agli operatori della Polizia di Stato impiegati a svolgere servizi di rimpatrio di cittadini stranieri;
Il COISP, nel corso del suo intervento ha rappresentato come sia indispensabile il confronto con i rappresentanti del personale ed ha affermato l’esigenza di riunire la commissione con cadenza trimestrale. Ha inoltre ricordato come sia importante e necessario avviare una concreta politica di pianificazione degli approvvigionamenti anche in considerazione delle
nuove politiche assunzionali derivanti dallo sblocco del turn over.
Il COISP, nel prosieguo del suo intervento ha posto all’attenzione della commissione l’esigenza di dotare il personale impiegato nei servizi di ordine pubblico, di controllo del territorio e nei servizi info-investigativi di “giubbotto sotto camicia antiproiettile ed anti taglio”. Ha chiesto quindi di porre tale proposta all’ordine del giorno nella prossima
commissione.
Ci è stato comunicato che entro l’anno 2020 saranno distribuite 50 mila divise operative per le questure, reparti ed uffici della Polizia di Stato. Le medesime saranno da subito distribuite agli Agenti di nuova nomina al termine dei corsi di formazione.
Si è infine concordato di convocare la prossima commissione entro il primo trimestre dell’anno 2020 per esaminare lo stato di avanzamento della sostituzione dei moduli passanti delle fondine e della distribuzione della divisa operativa, verificare inoltre l’esito della sperimentazione dell’uniforme quattro stagioni e fissare le priorità per futuri approvvigionamenti di vestiario.

Roma, 9 novembre 2019

 

La Segreteria Nazionale del COISP

 

SCARICA QUESTO COMUNICATO IN FORMATO PDF