XII Reparto Mobile di Reggio Calabria – Con l’attuale dirigente non manca nulla, nemmeno le mascherine “per igiene personale”

791
reparto-mobile
reparto-mobile

Roma, 11 maggio 2020

MINISTERO DELL’INTERNO
DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA
SEGRETERIA DEL DIPARTIMENTO
UFFICIO PER LE RELAZIONI SINDACALI

OGGETTO: XII Reparto Mobile di Reggio Calabria – Con l’attuale dirigente non manca nulla,
nemmeno le mascherine “per igiene personale”.

Successivamente all’insediamento del dr. De Pascale alla Direzione del XII Reparto Mobile
di Reggio Calabria, il COISP si è trovato costretto ad intervenire continuamente, in alcune occasioni anche presso codesto Ufficio per le Relazioni Sindacali, al fine di cercare di contenere una gestione del personale fortemente negativa sotto tutti gli aspetti.
Dalla pretesa di favorire alcuni dipendenti, tra i tanti impiegati nei servizi c.d. gestionali
del Reparto, consentendo soltanto a loro di effettuare servizi di ordine pubblico fuori sede di lunga durata, ai colleghi con mansioni di autista comandati a guidare per un numero oltremodo eccessivo di ore, dai brevissimi periodi di pausa tra un turno di servizio ed un altro che non garantivano il necessario recupero delle energie psicofisiche, alla continua trasgressione delle norme che disciplinano gli orari di lavoro.
Un continuo negare i diritti dei Poliziotti, disinteressarsi della loro salute ed incolumità, che ha trovato sempre scusanti immeritevoli di una qualsivoglia replica, tanto erano inaccettabili (un poliziotto avrà anche svolto servizio e guidato per 16 ore continuative, altri avranno terminato un servizio a notte inoltrata e sono poi stati comandati ad espletarne un altro meno di 5 ore dopo…ma nessuno di tali dipendenti ha rappresentato formalmente alcuna lamentela…) risposte emblematiche dello scorretto sistema gestionale instaurato in cui non è importante rispettare le regole ma valutare se il personale si lamenta o meno.
Ebbene, a tale capacità di gestire il personale mettendo anche a tacere qualsivoglia giusta pretesa, si è sommata una superficialità ed una presunzione incomprensibile.
Lo scorso 7 aprile il predetto funzionario ha emanato una circolare rivolta al “personale nche espleta attività burocratica e turnista in terza” con la quale ha invitato i predetti a inoltrare richiesta di assegnazione di mascherine che lui stesso definisce non appartenenti “né alla categoria dei DPI in generale e neppure a quella dei respiratori facciali di tipo FFP2 e FFP3” (come se tali respiratori non fossero anch’essi dei DPI), da utilizzare eventualmente “per igiene personale”.
È doveroso puntualizzare che detta comunicazione ha suscitato nel personale non poche nperplessità e conseguenzialmente è dovuta intervenire la nostra Segreteria Provinciale, npure con un comunicato stampa, per sottolineare lo sconcerto derivante dal modo con cui la direzione del Reparto Mobile ritiene di dover nsalvaguardare la salute dei Poliziotti, distribuendo loro mascherine “per igiene personale”, e con cui tartassa il personale con “lettere riservate” volte ad ottenere giustificazioni dettagliate e circostanziate circa l’utilizzo delle normalissime “mascherine chirurgiche” (queste sì rientranti nella categoria dei DPI) durante l’espletamento dei servizi di ordine pubblico, come se il personale, in questo periodo di grave emergenza sanitaria, potesse abusare di un così basilare e necessario in ogni turno di servizio, dispositivo di protezione.
Per non farsi mancare nulla, chiaramente, il predetto dirigente del Reparto Mobile di Reggio Calabria si impegna anche con assiduità nel tentare di screditare il personale e chiaramente anche il Sindacato.
Il pomeriggio del 2 maggio scorso, il nostro Segretario Generale Provinciale ha contattato il prefato dirigente, lamentando un’approssimazione e una irritualità nella gestione di una vicenda che aveva portato a non tutelare, ma tutt’altro, un funzionario del Reparto. La risposta nel merito della questione è stata preceduta dall’esternazione di detto dirigente del suo dissenso nei confronti del comunicato stampa del COISP di pochi giorni prima, relativamente al quale ha affermato che “al Dipartimento della P.S. Ufficio Relazioni Sindacali, sanno bene chi è il COISP e stanno ancora ridendo”, non rendendosi evidentemente conto che è proprio vero che codesto Ufficio sa bene chi è il COISP e conosce ed apprezza la sua serietà e correttezza … mentre eventualmente il dileggio
e l’ilarità saranno stati suscitati (in realtà anche in altre parti d’Italia) dalle sue mascherine “per igiene personale”…..
È forse l’ultima del suo spensierato modo di gestire il Reparto, ma fa il paio con quella che dal 1° maggio i servizi fuori sede, con venti unità o più, vedranno sempre la presenza di un ispettore in quanto per il dirigente i sovrintendenti non sarebbero capaci di dare seguito alle incombenze burocratiche, tanto da costringerlo ad impiegare un vice commissario a verificare tutti i servizi nche hanno espletato nel tempo.
Insomma, demansionare gli ispettori, screditare i funzionari ed i sovrintendenti ritenuti incapaci di fare il loro lavoro e di gestire il personale, negare i diritti dei dipendenti, cercare di danneggiare il Sindacato perché si lamenta di continuo e perché nella sua attività di tutela del personale racconta a tutti la barzelletta delle mascherine “per igiene personale”.
Ora, se la nostra Segreteria Provinciale di Reggio Calabria si fa portavoce della richiesta dei colleghi del XII Reparto Mobile di accontentare quanto prima il dr. De Pascale nella sua aspirazione ad andare a lavorare altrove (egli stesso dice che a breve andrà a “comandare” il Reparto Mobile di Catania…) quello che a noi interessa è che il predetto, fin tanto che sarà a Reggio Calabria adempia al proprio incarico con correttezza, buon senso, coscienziosità, professionalità, capacità e attenzione massima nei riguardi dei diritti dei Poliziotti e della loro salute … nonché enorme rispetto del Sindacato e delle sue prerogative.
Non chiediamo poi tanto, ma che faccia quello per cui è pagato. Se vorrà potrà anche adempiere a quanto sopra usando le sue mascherine “per igiene personale”.

In attesa di cortese urgente riscontro, l’occasione è gradita per inviare i più Cordiali Saluti.

La Segreteria Nazionale del COISP

SCARICA QUESTA NOTA IN PDF