VI Zona Polizia di Frontiera di Napoli e Ufficio Polizia di Frontiera di Salerno, violazione delle norme contrattuali e delle prerogative sindacali

374
Reperibilità
Reperibilità

Roma, 12 agosto 2022

MINISTERO DELL’INTERNO
DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA
SEGRETERIA DEL DIPARTIMENTO
UFFICIO RELAZIONI SINDACALI DELLA POLIZIA DI STATO

OGGETTO: VI Zona Polizia di Frontiera di Napoli e Ufficio Polizia di Frontiera di Salerno –
Violazione delle norme contrattuali e delle prerogative sindacali.

L’articolo 18 del vigente Accordo nazionale Quadro statuisce, riguardo l’istituto della “reperibilità”, che

Oltre quanto previsto dall’articolo 64 della L. n. 121/1981 ed in conformità al disposto di cui agli articoli 25, comma 2, lettera e) e 28, comma 2, del DPR n. 164/2002, al fine di garantire l’immediato e puntuale intervento, nei casi in cui particolari circostanze lo rendano necessario, può essere fatto obbligo al personale della Polizia di Stato di mantenere la reperibilità previo accordo semestrale con le segreterie provinciali delle organizzazioni sindacali firmatarie del presente Accordo, secondo le procedure stabilite in materia di contrattazione …

Si ha quindi un preciso richiamo all’art. 4 del medesimo Accordo che statuisce in merito al “procedimento” per la “contrattazione decentrata” di cui al precedente art. 3, prevedendo che tale “procedimento”, per quanto
riguarda la parte pubblica, interessa “i titolari degli Uffici indicati nell’allegato A, in quanto responsabili delle relazioni sindacali”.

Conseguentemente, per esemplificare con quanto qui interessa, l’accordo semestrale per l’attuazione dell’istituto della “reperibilità” presso l’Ufficio di Polizia di Frontiera Marittima ed Aerea di Salerno, a mente delle suddette norme, deve vedere parte attiva, per l’Amministrazione, il direttore della VI Zona Polizia di Frontiera di Napoli da cui dipende il predetto Ufficio Polfrontiera di Salerno, risultando tale direttore fra i “titolari degli Uffici indicati nell’allegato A, in quanto responsabili delle relazioni sindacali”.

Va da sé che, come statuito dal medesimo art. 4 ANQ e previsto dalla circolare esplicativa del medesimo Accordo e poi dalla circolare 557/RS/01/113/5895 del 19.2.2013 su “cambio turno e reperibilità”, il direttore della VI Zona Polizia di Frontiera di Napoli può delegare “a presiedere la delegazione di parte pubblica” il “funzionario responsabile” dell’Ufficio di Polizia di Frontiera Marittima ed Aerea di Salerno … nei “soli casi strettamente indispensabili, trattandosi di attività connaturata alla funzione di dirigenza”.

Ora, come si evince dal resoconto contenuto nell’allegata missiva della nostra Segreteria Provinciale di Salerno, pare che tanto il direttore della VI Zona Polizia di Frontiera di Napoli che il funzionario responsabile dell’Ufficio di Polizia di Frontiera Marittima ed Aerea di Salerno non abbiano ben chiare le soprarichiamate norme relative alla facoltà di delega e tantomeno l’obbligo di concertazione per l’attuazione della “reperibilità”, tanto da ritenere di poter unilateralmente decidere come utilizzare una parte delle relative giornate disponibili. Codesto Ufficio è pregato pertanto di intervenire con cortese urgenza al fine di riportare i menzionati funzionari nel corretto alveo delle regole contrattuali e verso il pieno rispetto delle prerogative sindacali.

Si attende cortese urgente riscontro anche in merito ai vari punti evidenziati nella nota della Segreteria Provinciale COISP di Salerno.

L’occasione è gradita per inviare i più Cordiali Saluti.

La Segreteria Nazionale del COISP

SCARICA LA NOTA IN PDF