RI-PETIZIONE

1015

Il 2021, per il COISP, è un anno composto da 12 mesi e 365 giorni …. in ciascuno dei quali, senza eccezione alcuna, il nostro Sindacato è stato e sarà impegnato a favore delle Donne e degli Uomini della Polizia di Stato, per il riconoscimento delle loro giuste aspettative, per garantire il rispetto dei loro diritti.

Per altri “sindacati” (necessariamente con la “s” minuscola) i mesi dell’anno sono molti meno. Il loro affanno (è sicuramente questo il termine giusto) inizia all’incirca a metà del mese di ottobre e prosegue poi incessantemente a novembre e dicembre. “sindacalisti” (necessariamente con la “s” minuscola) che per quasi dieci mesi non avete visto, si presentano adesso finanche alla porta di casa vostra o ve li trovate all’uscita del supermercato pronti anche a portare il carrello della spesa fino alla vostra macchina, per proporvi di tutto e di più, per raccontarvi che una vostra eventuale mancata partecipazione alle loro iniziative autunnali vi porterà a chissà quali mancati lauti guadagni (falsità assolute!), per coinvolgervi in mirabolanti battaglie che stranamente non avevano portato avanti prima, per scipparvi un paio di firme, di cui una per qualche incredibile ricorso o petizione e l’altra per iscrivervi al loro “sindacato”, …. con garanzia di tutela quantomeno nei mesi di ottobre, novembre e dicembre degli anni a seguire.

Uno vi dirà: firma questo ricorso e ti vedrai riconosciuto quel giusto compenso per il lavoro straordinario per il quale il COISP da anni si batte nella più totale indifferenza di questo “sindacato”… chiaramente sino ad oggi che abbiamo bisogno di recuperare le tante disdette avute.

Un altro vi dirà: firma questa petizione, avrai buoni pasto, generi di conforto e buoni vestiario in busta paga ed otterremo quello che durante i tanti incontri al Dipartimento non abbiamo mai chiesto contrariamente al COISP … ma che adesso è bene che anche noi chiediamo quantomeno in questi due mesi perché abbiamo bisogno di recuperare le tante disdette avute.

Ebbene, sia all’uno che all’altro dovrete semplicemente rispondere interrogandoli su cosa realmente hanno fatto sino ad adesso anche solo per ottenere quello che ora pare vogliano chiedere. Non sarà nemmeno necessario allargare il discorso alle centinaia di altre questioni affrontate da chi realmente fa Sindacato tutto l’anno nel totale disinteresse sia dei citati uno e altro.

In altre parole, a chi vi propone ricorsi e petizioni autunnali dovete fare una ri-petizione del loro disinteresse dimostrato nei vostri confronti fino ad adesso e dovrete semplicemente chiarire che non avete bisogno di un “sindacato” per 2-3 mesi, preferendo invece, di gran lunga, un Sindacato, il COISP, che per 365 giorni l’anno (366 in quelli bisestili) si batte senza pausa per i vostri diritti e i vostri bisogni.

Roma, 15 novembre 2021
La Segreteria Nazionale del COISP

SCARICA QUESTO COMUNICATO IN PDF