Programma televisivo “Ore 14”, dichiarazioni farneticanti, infondate e altamente lesive dell’immagine di ogni Poliziotto

569

Roma, 03 maggio 2022

Al Direttore di Rai 2
Dott. Massimo Lavatore
Al conduttore del programma televisivo “Ore 14”

Dott. Milo Infanti
Gent.mi Dott. Lavatore e Dott. Infanti, il programma televisivo “Ore 14”, che va in onda su Rai 2 alle ore 14:00, è chiaramente tra quelli maggiormente seguiti in questo Paese, non solo per l’ottima sua capacità di conduzione, Dott. Infanti, ma anche per le tematiche affrontate.
Quanto invece agli “ospiti”, a coloro che dovrebbero contribuire ad elevare la discussione, è di tutta evidenza che andrebbe fatta una maggiore attenzione.
Ci riferiamo specificatamente alla puntata andata in onda nella giornata di ieri 2 maggio, durante la quale si è discusso anche ed in particolare dell’uccisione della povera Alice Scagni ad opera del fratello e che ha visto tra gli ospiti il signor Angelo Maria Perrino, direttore di affaritaliani.it.
Ora, se da una parte, comprensibilmente, i vari ospiti non hanno mancato di interrogarsi su come sia potuto accadere che l’omicida non avesse ricevuto giuste attenzioni da parte delle Autorità, in considerazione di asserite pregresse denunce e fatti, della cui esistenza di certo si farà chiarezza, d’altra parte il signor Angelo Maria Perrino se n’è uscito con frasi altamente offensive nei confronti di tutti coloro che indossano una divisa (nello specifico Poliziotti e Carabinieri) e che ogni giorno si adoperano per la Sicurezza di tutti, con assoluta abnegazione e professionalità.
Riportiamo testualmente le affermazioni del predetto il quale ad un certo punto della trasmissione, che ancora lo aveva visto ospite silenzioso, ha inteso fare “una osservazione procedurale … e cioè, sul tavolo del magistrato arriva il rapporto perché il magistrato si muove su una notizia criminis. Questi rapporti arrivano dai carabinieri e dalla polizia. Bene, voi pensate che un carabiniere o un poliziotto abbiamo la cultura sufficiente per ben interpretare una vicenda come questa e ben trascriverla su un foglio di carta e mandarla al magistrato il quale possa poi decidere sulla base di un quadro articolato e complesso? Assolutamente no. Chiunque ha fatto una denuncia sa che i poliziotti e i carabinieri scrivono ancora con un dito”.
Ebbene, la gratuità di queste affermazioni farneticanti, dal contenuto infondato e altamente lesivo dell’immagine di ogni singolo Poliziotto e Carabiniere e delle rispettive Amministrazioni, non rende onore al servizio pubblico televisivo e nemmeno al programma in questione.
Invitiamo quindi le Preg.me SS.VV. a porre in essere ogni utile iniziative a tutela dell’immagine delle donne e degli uomini della Polizia di Stato e delle altre Forze di Polizia, prendendo formalmente le distanze da congetture offensive e macchiettistiche che in alcun modo sono accostabili a chi serve i Cittadini e le Istituzioni del nostro amato Paese.
Cordiali saluti

Il Segretario Generale del COISP
Domenico Pianese

SCARICA QUESTA NOTA IN PDF