Potenziamento dei servizi di vigilanza estiva a Napoli e sul litorale laziale, gravi vuoti organizzativi

920

Roma, 10 luglio 2023

MINISTERO DELL’INTERNO
DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA
SEGRETERIA DEL DIPARTIMENTO
UFFICIO RELAZIONI SINDACALI DELLA POLIZIA DI STATO

OGGETTO: Potenziamento dei servizi di vigilanza estiva a Napoli e sul litorale laziale –
Gravi vuoti organizzativi – Richiesta di intervento urgente.

A fronte di un piano per il potenziamento dei servizi di vigilanza estiva nelle località di maggiore affluenza turistica che ha visto come ultimo aggiornamento il 19 maggio scorso, l’Amministrazione si è preoccupata di informarne gli Uffici ed il personale interessato solamente nel tardo pomeriggio del 30 giugno, ovvero in prossimità dell’inizio del periodo di aggregazione.
Il personale dipendente della Direzione Centrale Anticrimine, aggregato presso la Questura di Napoli per il periodo 5-22 luglio, ancora alla data del 3 luglio non aveva contezza della sede effettiva in cui avrebbe prestato servizio, con conseguenti difficoltà a predisporre e avanzare eventuali richieste di anticipo per le spese da sostenere.
Ma v’è molto di più.
L’evidente disorganizzazione ha iniziato a mostrarsi in tutta la sua gravità allorquando i colleghi hanno informalmente appreso che gli Uffici ove sarebbero stati aggregati lamentavano l’impossibilità di reperire alloggiamenti.
Ad appena 24 ore dalla presunta data di partenza, i colleghi interessati dall’aggregazione presso i Commissariati di P.S. di Capri, Sorrento ed Ischia non sapevano se e quando sarebbero dovuti partire per raggiungere tali Uffici e se avrebbero trovato un alloggio.
La grave indeterminatezza organizzativa è stata acclarata da una nota emessa nel pomeriggio del 3 luglio dalla Questura partenopea, con la quale per ogni singolo poliziotto aggregato veniva indicato l’Ufficio ove avrebbe prestato servizio (individuato tra i Commissariati di Ischia e di Sorrento) …. e dal fatto che una volta che tale personale si è presentato presso i citati Uffici, è stato invitato a recarsi, differentemente di quanto stabilito nella succitata disposizione, presso la Questura di Napoli, in ragione dell’assenza di alloggi disponibili.
Il tutto, chiaramente con ulteriore aggravio di spese per gli interessati oltre che gratuito stress psico-fisico.
Per quanto risulta a questa O.S., il citato personale è a tutt’oggi posto momentaneamente a disposizione dell’U.P.G. e S.P. della Questura di Napoli ed alloggiato presso strutture private reperite in situazione di contingenza, con l’avvertenza che, nel corso della prossima settimana, lo stesso sarà nuovamente assegnato presso uno dei succitati Uffici distaccati.
Ora, al di là dell’impegno profuso dai competenti settori del Dipartimento e dalla Questura sopra citata, appare evidente come qualcosa non abbia funzionato nella prassi comunicativa ed organizzativa in uso tra i vari uffici interessati … che invero avrebbe dovuto essere più che rodata stante anche la sua ordinarietà.
A farne le spese, ovviamente, i nostri colleghi interessati dal piano per il potenziamento dei servizi di vigilanza estiva, i quali, in virtù dell’assoluta incertezza della sede di aggregazione, oltre a non sapere quale biglietto prenotare e pagare anticipatamente, sino al pomeriggio del 5 u.s. non hanno neanche avuto contezza dell’alloggio assegnatogli.
Identica problematica si è poi presentata nei confronti del personale che dal Dipartimento della P.S. è stato aggregato ai Commissariati del litorale laziale dipendenti della Questura di Roma.
Anche in questo caso, non essendosi preoccupata di dove far alloggiare e mangiare i colleghi aggregati, la Questura di Roma si è ritrovata a doverli impiegare per il controllo del centro città, con evidente difficoltà per tutti quegli Uffici periferici che attendevano, con ansia e reale necessità, l’arrivo dei rinforzi per sopperire alle difficoltà lavorative dovute all’aumento della popolazione nel periodo estivo.
Ciò premesso, codesto Ufficio per le Relazioni Sindacali vorrà intervenire con particolare solerzia al fine di evitare che la prosecuzione del periodo di aggregazione dei colleghi sopra richiamati, e di chi andrà eventualmente a sostituirli, continui ad essere caratterizzata da ulteriori gravi vuoti organizzativi.
In attesa di cortese urgente riscontro, l’occasione è gradita per inviare i più Cordiali Saluti.

La Segreteria Nazionale del COISP

SCARICA QUESTA NOTA IN PDF