Il COISP al Premier Conte: stanchi di non ricevere la giusta attenzione. Annunciata la mobilitazione nazionale

2113

Si è svolto ieri sera, presso la “Sala Verde” di Palazzo Chigi, l’incontro tra la Federazione COISP, le altre OO.SS. ed il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe CONTE.
Presenti anche il Ministro dell’Interno Luciana LAMORGESE ed il Capo della Polizia
Franco GABRIELLI.
Il nostro Segretario Generale Domenico PIANESE ha sottolineato che, per la Federazione COISP, il Governo deve necessariamente porre in essere quanto segue:
 Introduzione di leggi che non consentano di restare impuniti a chi aggredisce, offende o minaccia gli appartenenti alle Forze di Polizia;
 Adozione di idonei correttivi legislativi che rendano certa l’espiazione della pena impedendo ai criminali già condannati in via definitiva di continuare a delinquere;
 Stanziamento di idonee risorse economiche per rinnovare il Contratto Nazionale di Lavoro del personale delle Forze di Polizia in misura che consenta di recuperare il potere di acquisto che gli stipendi dei Poliziotti hanno perso in dieci anni di blocco degli aumenti contrattuali;
 Idonei stanziamenti per migliorare l’efficienza e l’efficacia organizzativa delle Forze di Polizia attraverso i correttivi al Riordino delle Carriere;
 Stanziamento di adeguate risorse economiche per l’equipaggiamento dei Poliziotti al fine di tutelarne l’incolumità in maniera quanto più possibile efficace: è necessaria la dotazione di pistole elettriche, giubbotti sottocamicia antiproiettile e antilama, appropriate protezioni per i servizi di ordine pubblico;
 Stanziamento immediato di risorse economiche per pagare il lavoro straordinario che i Poliziotti sono stati costretti a fare da maggio 2018 ad oggi e che lo Stato non ha ancora pagato;
 Finanziamento dell’Area Negoziale Dirigenziale.
Il nostro Segretario Generale Domenico PIANESE ha difatti osservato che è assolutamente inaccettabile che chi aggredisce, offende e minaccia un Poliziotto abbia la sostanziale certezza di farla franca, a causa di un sistema sanzionatorio che ha perso ogni potere di deterrenza … e che non può più essere ignorato il profondo malessere del personale della Polizia di Stato, dovuto ad una umiliazione sotto l’aspetto economico e professionale che da anni è costretto a sopportare.
Al termine della riunione il Presidente del Consiglio CONTE ed il Ministro dell’Interno LAMORGESE hanno rappresentato che nella prossima legge di bilancio saranno previsti stanziamenti economici che ricalcano quelli del Contratto di Lavoro siglato nel 2018, di aver individuato risorse per il pagamento dello straordinario effettuato nello scorso anno e circa 60 milioni come ulteriore stanziamento per i correttivi al Riordino delle Carriere.
Purtroppo alcuna garanzia è stata data rispetto ai punti che la Federazione COISP aveva esplicitato come irrinunciabili per gli appartenenti alla Polizia di Stato.
Ciò stante, non ritenendo appropriati gli stanziamenti previsti soprattutto in considerazione delle legittime rivendicazioni delle donne e degli uomini della Polizia di Stato.

MARTEDI’ 29 OTTOBRE IN TUTTE LE CITTA’ D’ITALIA LANCEREMO IL NOSTRO APPELLO AL GOVERNO E A TUTTE LE FORZE POLITICHE DEL PAESE PERCHE’ RITENIAMO CHE LE DONNE E GLI UOMINI DELLA POLIZIA DI STATO E DELLE ALTRE FORZE DI POLIZIA MERITINO MAGGIORE ATTENZIONE

SCARICA QUESTO COMUNICATO IN FORMATO PDF