Poliziotti raffigurati come suini nel videoclip di Gianni Nannini. La denuncia del COISP sui quotidiani e sulle Agenzie stampa

1337


Gianna Nannini, sindacati di polizia contro il videoclip: “Istiga odio verso agenti”

Leggi l’articolo



Poliziotti raffigurati come maiali.
Polemiche sul video della Nannini

Leggi l’articolo



Gianna Nannini, nel video poliziotti come maiali. Rivolta delle divise: istiga all’odio sociale (Il Secolo d’Italia)

Leggi l’articolo


Agenzie stampa


Sindacato Polizia contro video Gianna Nannini, istiga a odio
Coisp, agenti rappresentati con visi da suino e violenti
(ANSA) – ROMA, 14 GEN – Attacco a Gianna Nannini da parte del sindacato di Polizia Coisp per l’ultimo video della cantante: alcune delle immagini contenute in ‘L’aria sta finendo’ “sono inaccettabili, ingiuriose e istigano all’odio sociale” dice il segretario Domenico Pianese sottolineando che nel video di animazione degli agenti di polizia sono rappresentati “con il viso da suino” e “commettono azioni violente”.Cosi’ facendo, aggiunge il sindacato, “non solo si getta discredito sulla divisa e su chi la indossa, ma si discreditano anche le istituzioni democratiche che le forze dell’ordine rappresentano e difendono ogni giorno”. Secondo il sindacato, nel videoclip sembra “che la cantante abbia voluto stigmatizzare l’operato degli agenti durante i disordini degli ultimi mesi legati alla pandemia”. Ma descrivere gli agenti “come dei maiali non fa altro che alimentare l’odio verso chi negli ultimi mesi ha solo fatto il proprio dovere – aggiunge Pianese – evitando il propagarsi della linea di contagio”. “Ideologia, qualunquismo e populismo – conclude – non sono il rimedio contro i mali del secolo, semmai ne sono la matrice”. (ANSA).



*POLIZIA: PIANESE (COISP), ‘IMMAGINI VIDEO NANNINI ISTIGANO A ODIO SOCIALE’*
Roma, 14 gen (Adnkronos) – “Alcune delle immagini contenute nel videoclip di Gianna Nannini, sono inaccettabili, ingiuriose, violente  e istigano all’odio sociale”. Lo dichiara all’Adnkronos il segretario  generale del sindacato di Polizia Coisp Domenico Pianese commentando  le immagini animate del video della canzone ‘L’aria sta finendo’.
”Rappresentando gli agenti di Polizia con il viso da suino e facendo  loro commettere azioni violente, non si getta discredito solo sulla  divisa e su chi la indossa ogni giorno mettendo a rischio la sua  stessa vita per il bene della collettività – afferma il sindacalista –
ma si discreditano anche le istituzioni democratiche che le Forze dell’Ordine rappresentano e difendono”.
“Sembra quasi che la cantante abbia voluto stigmatizzare l’operato degli agenti durante i disordini degli ultimi mesi legati alla pandemia di Coronavirus. E rappresentarli come dei maiali non fa altro che alimentare l’odio nei confronti di tutte quelle donne e quegli  uomini in divisa che hanno solo fatto il proprio dovere evitando il propagarsi della linea di contagio. Ideologia, qualunquismo e populismo non sono il rimedio contro i mali del secolo, semmai ne sono la matrice”, conclude Pianese. (/Adnkronos)



Polizia: Coisp, videoclip Nannini alimenta odio verso agenti =
(
AGI) – Roma, 14 gen. – “Alcune delle immagini contenute nel videoclip di animazione de ‘L’aria sta finendo’ di Gianna Nannini sono inaccettabili, ingiuriose e istigano all’odio sociale”. Cosi’ il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp, Domenico Pianese, secondo cui “rappresentando gli agenti di Polizia con il viso da suino e facendo loro commettere azioni violente (picchiano un uomo di colore che e’ a terra, ndr) , non si getta discredito solo sulla divisa e su chi la indossa, ma si discreditano anche le istituzioni democratiche che le forze dell’ordine rappresentano e difendono ogni giorno”. Pianese sottolinea che “volendo contestualizzare ancor di piu’,sembra quasi che la cantante abbia voluto stigmatizzare l’operato degli agenti durante i disordini degli ultimi mesi legati alla pandemia”, anzi “rappresentarli come dei maiali non fa altro che alimentare l’odio verso chi negli ultimi mesi ha solo fatto il proprio dovere evitando il propagarsi della linea di contagio. Ideologia, qualunquismo e populismo non sono il rimedio contro i mali del secolo, semmai ne sono la matrice”. (AGI)Vic



Coisp: in videoclip Gianna Nannini ingiurie a Polizia Pianese: agenti rappresentati con il viso da suino
Roma, 14 gen. (askanews) – “Alcune delle immagini contenute nel videoclip di animazione de ‘L’aria sta finendo’ di Gianna Nannini sono inaccettabili, ingiuriose e istigano all’odio sociale”. Così afferma in una nota il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp, Domenico Pianese. “Rappresentando gli agenti di Polizia con il viso da suino e facendo loro commettere azioni violente, non si getta discredito solo sulla divisa e su chi la indossa, ma si discreditano anche le istituzioni democratiche che le Forze dell’Ordine rappresentano e difendono ogni giorno.
Volendo contestualizzare ancor di più, sembra quasi che la cantante abbia voluto stigmatizzare l’operato degli agenti durante i disordini degli ultimi mesi legati alla pandemia.
Vieppiù: rappresentarli come dei maiali non fa altro che alimentare l’odio verso chi negli ultimi mesi ha solo fatto il proprio dovere evitando il propagarsi della linea di contagio. Ideologia, qualunquismo e populismo non sono il rimedio contro i mali del secolo, semmai ne sono la matrice” continua.



POLIZIA, PIANESE (COISP): ULTIMO VIDEOCLIP NANNINI SCREDITA DIVISA
(9Colonne) Roma, 14 dic – “Alcune delle immagini contenute nel videoclip di animazione de  ‘L’aria sta finendo’ di Gianna Nannini sono inaccettabili, ingiuriose e istigano all’odio sociale”. Così il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp,  Domenico Pianese. “Rappresentando gli agenti di Polizia con il viso da suino e   facendo loro commettere azioni violente, non si getta discredito solo sulla divisa  e su chi la indossa, ma si discreditano anche le istituzioni democratiche che le  Forze dell’Ordine rappresentano e difendono ogni giorno. Volendo contestualizzare ancor di più, sembra quasi che la cantante abbia voluto stigmatizzare l’operato degli agenti durante i disordini degli ultimi mesi legati alla pandemia. Vieppiù: rappresentarli come dei maiali non fa altro che alimentare l’odio verso chi negli ultimi mesi ha solo fatto il proprio dovere evitando il propagarsi della linea di  contagio. Ideologia, qualunquismo e populismo non sono il rimedio contro i mali del secolo, semmai ne sono la matrice” conclude.



Pianese (Coisp): In ultimo videoclip Nannini stigmatizzata Polizia
Milano, 14 gen. (LaPresse) – “Alcune delle immagini contenute nel videoclip di animazione de ‘L’aria sta finendo’ di Gianna Nannini sono inaccettabili,  ingiuriose e istigano all’odio sociale”. Così il segretario generale del sindacato di polizia Coisp, Domenico Pianese. “Rappresentando gli agenti di polizia con il viso da suino e facendo loro commettere azioni violente, non si getta discredito solo sulla divisa e su chi la indossa,  ma si discreditano anche le istituzioni democratiche che le forze dell’ordine rappresentano e difendono ogni giorno. Volendo contestualizzare ancor di più, sembra quasi che la cantante abbia voluto stigmatizzare l’operato degli agenti durante i disordini degli ultimi mesi legati alla pandemia.
Vieppiù: rappresentarli come dei maiali non fa altro che alimentare l’odio verso chi negli ultimi mesi ha solo fatto il proprio dovere evitando il propagarsi della linea di contagio. Ideologia, qualunquismo e populismo non sono il rimedio contro i mali del secolo, semmai ne sono la matrice”,conclude. CRO NG01 lca 141421 GEN 21 ******* *Polizia: Coisp, videoclip Nannini alimenta odio verso agenti =  AGI0545 3 CRO 0 R01 /



MUSICA. VIDEO NANNINI, COISP: IMMAGINI INACCETABILI, ISTIGANO ODIO SOCIALE
(DIRE) Roma, 14 gen. – “Alcune delle immagini contenute nel videoclip di animazione de ‘L’aria sta finendo’ di Gianna Nannini sono inaccettabili, ingiuriose e istigano all’odio sociale”. Cosi’ il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp, Domenico Pianese. “Rappresentando gli agenti di Polizia con il viso da suino e facendo loro commettere azioni violente, non si getta discredito solo sulla divisa e su chi la indossa, ma si discreditano anche le istituzioni democratiche che le Forze dell’Ordine rappresentano e difendono ogni giorno. Volendo contestualizzare ancor di piu’, sembra quasi che la cantante abbia voluto stigmatizzare l’operato degli agenti durante i disordini degli ultimi mesi legati alla pandemia. Vieppiu’: rappresentarli come dei maiali non fa altro che alimentare l’odio verso chi negli ultimi mesi ha solo fatto il proprio dovere evitando il propagarsi della linea di contagio. Ideologia, qualunquismo e populismo non sono il rimedio contro i mali del secolo, semmai ne sono la matrice”, conclude. (Ago/ Dire)