Polizia di Stato nella provincia di Messina, è urgente porre rimedio ad organici insufficienti oltre ogni ragionevole tolleranza

1022
Poliziotti
Poliziotti

Roma, 03 luglio 2024

MINISTERO DELL’INTERNO
DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA
SEGRETERIA DEL DIPARTIMENTO
UFFICIO RELAZIONI SINDACALI DELLA POLIZIA DI STATO

OGGETTO: Polizia di Stato nella provincia di Messina, è urgente porre rimedio ad organici
insufficienti oltre ogni ragionevole tolleranza.

La nostra Segreteria Provinciale di Messina segnala la gravissima situazione deficitaria degli organici della locale Questura, di tutti i Commissariati sezionali e distaccati nonché del Posto Fisso di Tortorici e degli Uffici della Polizia Stradale della provincia.
Se da una parte la carenza più marcata di personale si registra presso la Questura messinese, nella stragrande maggioranza dei giorni dell’anno i Commissariati distaccati non riescono più a garantire una Volante h24 ed addirittura i due Commissariati sezionali ed il Posto Fisso di Tortorici non sanno nemmeno più, da tempo, cosa sia svolgere un servizio di controllo del territorio.

Anche l’attività amministrativa e burocratica è garantita con incredibile difficoltà, sobbarcando il personale di doppi turni e doppi servizi nella stessa giornata lavorativa … e sfiancandolo in maniera inaccettabile.
Gli operatori impiegati nel controllo del territorio, poi, si ritrovano oltremodo sovraccaricati di lavoro, dovendo adempiere ai precipui compiti della Polizia Locale e della Polizia Stradale nei turni notturni e, più in generale, vedendosi chiamati in ogni turno di servizio ad una “esasperante quotidianità” che li vede intervenire in continue situazioni di emergenza, garantire posti di controllo, vigilanza ai tanti obiettivi sensibili, controllare numerosi soggetti sottoposti a regime detentivo domiciliare o a misure alternative, garantire un’attività di prevenzione sempre più intensa in relazione alla crescente recrudescenza dei reati.

Quanto sopra si concretizza con sempre meno uomini, chiamati a far fronte ad una popolosa e vasta area quale è quella di pertinenza della Provincia di Messina, tra l’altro caratterizzata da noti e particolari fattori ambientali che richiederebbero risorse umane e strumentali di gran lunga maggiori di quelle attualmente disponibili. Ci riferiamo in particolare alla conformazione del territorio, soprattutto di quello cittadino, che da un estremo all’altro del territorio Comunale messinese vanta distanze ragguardevoli, circa 50/55 km, che devono essere percorse su strade cittadine, ad elevato flusso veicolare, anche in situazioni di emergenza.

La nostra Segreteria Provinciale COISP di Messina, in maniera chiaramente provocatoria e spinta dallo sconforto di tantissimi colleghi, arriva ad esortarci ad invitare chiunque del Dipartimento a provare l’ebbrezza di percorrere 30/40 km in emergenza (sirene e lampeggiante), per spostarsi da una zona all’altra della città per andare in ausilio ai colleghi che si trovano in intervento nella zona opposta alla loro ….. e se qualcuno vuol provare saremo lieti di accompagnarlo.
Come detto, comunque, la situazione peggiora se ci spostiamo in provincia, in particolare nelle Città di Milazzo, Barcellona Pozzo di Gotto, Patti, Capo d’Orlando, S. Agata Militello ed ovviamente la città di Taormina, la “Perla del Mediterraneo”.

In queste città della movida estiva, che non manca di certo nemmeno nei fine settimana del periodo invernale, tranne Barcellona Pozzo di Gotto che però, come sappiamo, è stata più volte esaminata dalla Commissione Antimafia, vista la storia criminale, le latitanze eccellenti ed i legami con la mafia palermitana e catanese, riuscire a garantire un adeguato servizio di controllo del territorio nell’arco delle 24 ore è pura utopia.

Il Posto di Polizia di Tortorici sito sui monti Nebrodi, baluardo della legalità degli anni 80/90, si trova addirittura con un organico, ai minimi storico, che riesce a stento a garantire la vigilanza allo stabile, peraltro in condizioni fatiscenti.
La suesposta grave carenza di organico, evidentemente trascurata dall’Amministrazione, si ha anche, come premesso, per la Polizia Stradale, ed ingenera forte disagio e frustrazione in specie nei colleghi preposti ai servizi di vigilanza dei due tronconi Autostradali (A18 Messina-Catania e A20 Messina-Palermo) ed in servizio presso la Sottosezione di Giardini Naxos e il Distaccamento di S. Agata di Militello: se da una parte vi è l’impossibilità di coprire un regolare turno continuativo nell’ambito autostradale, il predetto ridotto personale è sottoposto ad un carico di lavoro ormai insopportabile soprattutto in alcuni periodi (esodi vari) oltre che fortemente rischioso per i continui incidenti che si verificano lungo i tratti in argomento, dovuti al traffico, al pessimo manto stradale, a frane, smottamenti e gallerie in condizioni pessime.

Tutto ciò premesso, non può sfuggire a chiunque l’assoluta necessità di trovare soluzioni volte ad incrementare gli organici degli Uffici di Polizia della provincia di Messina, che definire ridotti all’osso appare un eufemismo.

Codesto Ufficio vorrà impegnarsi in tal senso presso i competenti settori del Dipartimento.
In attesa di cortese urgente riscontro, l’occasione è gradita per inviare i più Cordiali Saluti.

La Segreteria Nazionale del COISP

SCARICA QUESTA NOTA IN PDF