LO STATUS DI VITTIMA DEL DOVERE NON SI PRESCRIVE!

637

Come sostenuto fin dall’inizio di questa grottesca vicenda dalla nostra Organizzazione sindacale, l’Amministrazione ha errato nell’applicare la prescrizione decennale per il riconoscimento dello status di vittima del dovere.
Non esisteranno più feriti di serie A e di serie B dovuti alla tempestività della domanda di riconoscimento dei benefici.
La Cassazione, sezione Lavoro, respingendo il ricorso dell’Amministrazione, con la sentenza 17440 del 30 maggio 2022 si è pronunciata su una delle varie posizioni pendenti dichiarando imprescrittibile il diritto al riconoscimento dello status potendosi dichiarare prescritti unicamente i ratei eventualmente arretrati dei benefici oltre i 10 anni.
Saremo a disposizione di tutti i colleghi interessati per i conseguenti chiarimenti applicativi.