Istituzione della figura del “negoziatore” della Polizia di Stato. Esito secondo incontro

344

In data 12 ottobre u.s., presso il Polo Anticrimine della Polizia Di Stato, si è svolto il secondo incontro relativo all’introduzione della qualifica di negoziatore della Polizia di Stato (leggi la news relativa al primo incontro dello scorso 10 Settembre), presieduto dal Direttore Centrale della Direzione Centrale Anticrimine dott. Francesco Messina coadiuvato dal Direttore del Servizio Controllo del Territorio dott. Nicoli.
Preliminarmente l’Amministrazione ha illustrato la bozza di regolamento operativo dell’attività del negoziatore della Polizia di Stato, specificando le finalità contenute nel progetto e le modalità ideate per introdurre tali specifiche mansioni nella Polizia di Stato attraverso un percorso di selezione e di formazione particolarmente impegnativo.
Ha altresì sottolineato che l’intervento dei negoziatori è riservato ad eventi critici complessi che determinano una grave turbativa dell’ordine e della sicurezza pubblica e che saranno formati negoziatori di 1° e 2° livello rispettivamente a livello territoriale e in strutture centrali dell’Amministrazione, in particolare presso il Nucleo Operativo Centrale di Sicurezza, il Servizio Centrale Operativo ed il Servizio Controllo del Territorio, è stato anche specificato che in accoglimento delle proposte della FEDERAZIONE COISP-MOSAP-UPLS i negoziatori di 1° livello presenti nelle Questure di maggior rilievo saranno almeno 4 e nelle altre di almeno 2.
L’Amministrazione ha previsto che i negoziatori dovranno essere appartenenti al ruolo degli Ispettori e dei Sovrintendenti ed avere almeno 35 anni di età ed 8 anni di servizio di cui almeno 5 preferibilmente trascorsi presso gli UPGSP, le Squadre Mobili, le Digos o il NOCS, anche in questo caso apprezzando la proposta della nostra FEDERAZIONE che aveva chiesto di poter aprire le selezioni anche agli appartenenti alle Specialità della Polizia di Stato ed al ruolo Sovrintendenti.
La Federazione COISP-MOSAP-UPLS, nel proprio articolato intervento, ha manifestato apprezzamento per le finalità del progetto ed ha chiesto che riservata particolare attenzione alle modalità di formazione ed aggiornamento che avverranno con modalità frontale, attesa la particolarità delle funzioni assegnate sia a chi svolgerà il compito di Negoziatore sia per le componenti delle Squadre Interventi Critici.
La Federazione COISP-MOSAP-UPLS, in considerazione dei contenuti del progetto, ha infine sottolineato, come già più volte fatto in precedenza, la necessità di costituire delle squadre UOPI in Calabria e Puglia.
L’Amministrazione, al termine dell’incontro, apprezzando le riflessioni e richieste esplicitate da questa Federazione – ha assicurato che il regolamento sarà emesso in tempi rapidi e sarà corredato anche di una circolare esplicativa che chiarirà ancor meglio gli aspetti delle modalità di selezione, formazione e permanenza
nella qualificazione acquisita.

Roma, 13 ottobre 2020

La Segreteria Nazionale Federazione COISP-MOSAP-UPLS

SCARICA QUESTO COMUNICATO IN PDF