Ispettorato delle Scuole della Polizia di Stato, formazione di base e di specializzazione. Mancato rispetto dei protocolli anti Covid-19.

360

Roma, 26 novembre 2021

AL SIGNOR CAPO DELLA POLIZIA
Direttore Generale della Pubblica Sicurezza
Prefetto Lamberto Giannini

OGGETTO: Ispettorato delle Scuole della Polizia di Stato – Formazione di base e di specializzazione. Mancato rispetto dei protocolli anti Covid-19.

Preg.mo Signor Capo della Polizia,
lo svolgimento dei corsi di formazione di base riservati ai neo Allievi Agenti sta evidenziando non pochi problemi a causa di disposizioni contraddittorie ed approssimative da parte dell’Ispettorato delle Scuole della Polizia di Stato.
Come Lei di certo ben sa, nei giorni scorsi si sono evidenziati focolai di Covid-19 presso alcune Scuole Allievi Agenti ed in particolare presso la S.A.A. di Peschiera del Garda e della S.A.A. di Vibo Valentia. Nelle citate strutture formative – per quanto ci è dato sapere – gli Allievi Agenti, su indicazione del predetto Ispettorato, sono stati alloggiati in camere che in alcuni casi erano occupate da ben sei frequentatori, senza alcun rispetto dei protocolli impartiti dalla Direzione Centrale di Sanità proprio a seguito di indicazioni fornite dal predetto Ispettorato per occupare al massimo della ricettività le predette strutture, persino senza riservare una opportuna riserva di camere nella non remota eventualità che alcuni frequentatori venissero contagiati dal Covid e quindi essere posti in quarantena.
Ecco quindi che – come era facilmente prevedibile – alcuni frequentatori sono state contagiati (inizialmente poche unità) … ma anche in questo caso le indicazioni del competente Ispettorato sono sembrate approssimative e soprattutto non confacenti a tutelare la salute degli Allievi, persino lasciando dormire nella medesima stanza per alcuni giorni ben sei frequentatori nonostante alcuni avessero chiari sintomi riconducibili al Covid.
La suesposta situazione ha poi creato le condizioni per costituire dei veri e propri focolai che in alcune Scuole ha interessato il 25% e oltre dei frequentatori. Singolari sono apparse anche le disposizioni successive quando invece di porre tutti i contatti diretti in quarantena, cosi come prescritto dalle vigenti norme, sono spediti a casa molti frequentatori senza neanche preoccuparsi delle modalità che avrebbero utilizzato per raggiungere le proprie abitazioni e l’eventuale rischio a cui si esponevano i loro familiari … e non soltanto loro.
Gent.mo Signor Capo della Polizia, il COISP, proprio per assicurare il rispetto delle necessarie cautele anticontagio, aveva proposto la riattivazione dei corsi di formazione di base attraverso una modalità mista con il 50% dei frequentatori in didattica a distanza ed altrettanti in presenza presso gli Istituti di formazione. Purtroppo dall’Ispettorato delle Scuole sono giunte e continuano a giungere contraddittorie e singolari indicazioni agli incolpevoli Direttori delle Scuole, come quella che alleghiamo in cui si fa riferimento a un quesito posto alla Direzione Centrale di Sanità la quale avrebbe autorizzato l’uso promiscuo dei servizi igienici, senza allegare la risposta ricevuta e soprattutto senza chiarire in quale contesto la predetta Direzione Centrale avrebbe ritenuto che detta promiscuità fosse possibile.
Di certo ciò che si intuisce è che in questo momento in cui si stanno introducendo nel Paese ulteriori restrizioni a salvaguardia di tutti i cittadini … l’Ispettorato Scuole va nella direzione opposta.
Ovviamente il COISP è pronto a sostenere le decine di Allievi Agenti che sono stati esposti al contagio a causa di criticabili disposizioni ma è nondimeno fortemente preoccupato di quanto potrebbe accadere se questo modo di gestire a livello centrale le modalità di frequentazione dei corsi di formazione proseguirà anche per i corsi che saranno avviati nel prossimo mese di dicembre.
Tutto ciò premesso, consapevoli della Sua indiscussa attenzione alla tutela della salute del personale, Le chiediamo di valutare ogni possibile intervento affinché siano affrontate e risolte le citate innumerevoli problematiche sorte a causa delle disposizioni formali ed informali del menzionato Ispettorato delle Scuole della Polizia di Stato, affinché venga garantita la massima tutela dei frequentatori e del quadro permanente di tutti gli Istituti di Istruzione.
Con sincera e profonda stima,

Il Segretario Generale del COISP
Domenico Pianese

SCARICA QUESTA NOTA IN PDF