Ipotesi di TSO per i malati di COVID-19 che rifiutano il ricovero. Il Segretario Generale del COISP, Domenico Pianese, intervistato da Radio Capital e dall’Ansa

605


Tso a irresponsabili?, “Esiste gia’ una dura norma”
Esperto, ‘ricovero per chi diffonde epidemie, pene fino ergastolo’

(ANSA) – ROMA, 5 LUG – Esiste gia’ una misura di ricovero coatto per chi diffonde epidemie, il quale potrebbe essere punito fino all’ergastolo: e’ prevista dal codice penale ed e’ applicata anche in questi mesi per chi si allontana dalla quarantena. A chiarirlo e’ Domenico Pianese, segretario generale del sindacato di polizia ‘Coisp’, a proposito della richiesta del governatore del Veneto Luca Zaia per il ‘trattamento sanitario obbligatorio’ ai positivi al coronavirus che rifiutano il ricovero.
“Credo che ci sia stato semplicemente un problema di interpretazione del termine – spiega Pianese, che ha un’esperienza trentennale in polizia – . Il ‘Tso’ e’ una misura di prevenzione adottata quando ci sono persone in stato di alterazione psicofisica, e’ regolamentato con una legge del 1978 e ovviamente non tiene conto delle evoluzioni degli ultimi mesi sul Covid e i rischi di pandemia. Quindi il primo problema per una sua applicazione alle persone positive al coronavirus sarebbe di tipo normativo. Una persona in possesso delle proprie facolta’ viene giudicata tale da un medico o sanitario della Asl ed e’ previsto un intervento delle forze di polizia, le quali chiamano il 118 richiedendo il Tso. Ma se il medico reputa che quella persona sia presente a se stessa e non abbia caratteristiche psico-fisiche alterate rispetto alla normalita’, non si puo’ far applicare il Tso. Percio’ da questo punto di vista sarebbe necessaria una modifica normativa”.
Il sindacalista chiarisce quindi che “esistono gia’ reati penali per chi e’ a conoscenza di una patologia e sono previsti dal nostro ordinamento giudiziario. Questo valeva anche ad esempio quando tanti anni fa ci sono state epidemie come il colera – sottolinea -. L’articolo 438 del codice penale prevede pene tra gli 8 anni e l’ergastolo per chiunque cagioni un’epidemia mediante la diffusione di germi patogeni. Se la patologia viene certificata, e’ inoltre previsto l’obbligo di ricovero in una struttura appositamente dedicata: e’ gia’ successo in questi mesi con chi si allontanava dalla quarantena. E se la persona oppone resistenza al ricovero, viene piantonata”. C’e’poi un’altro aspetto, che riguarda gli agenti delle forze di polizia: “servono adeguate forniture sui dispositivi di protezione individuale per gli agenti che in questi casi devono intervenire”, conclude. (ANSA).