Il COISP tra presente e futuro, sempre al fianco dei Poliziotti (editoriale del Segretario Generale)

277

Cari Colleghi e Amici,

siamo giunti al termine di un anno particolarmente complesso, difficile e impegnativo, ed è giunto il momento di tirare le somme … anche con riguardo all’attività del nostro COISP.
Il primo pensiero va ai nostri Colleghi che, per difendere i Cittadini e le Istituzioni di questo Paese, in questo 2020 terribile ci hanno lasciato per sempre. Grazie di cuore per essere stati passeggeri del treno della nostra vita e di averla arricchita del vostro amore e dedizione.
Il 2020 sarà ricordato nella storia come l’anno della pandemia di COVID-19, dovuta al diffondersi del virus Sars-CoV-2, che ad oggi ha causato quasi 1,8 milioni di morti nel mondo di cui oltre 70 mila nel solo nostro Paese e che ha mostrato la fragilità della società contemporanea ma nel contempo ha evidenziato, in Italia, quanto siano importanti talune infrastrutture strategiche, il sistema sanitario ed il sistema di sicurezza, che nei momenti di maggiore difficoltà hanno fatto risaltare i limiti dovuti ai continui tagli economici che negli anni hanno subito ma anche lo smisurato attaccamento al dovere e l’encomiabile abnegazione di chi vi fa parte.
In particolare, le Donne e gli Uomini della Polizia di Stato hanno dimostrato di essere un’eccellenza che, nonostante l’enorme difficoltà anche dovuta all’impreparazione di tutti gli Stati a combattere contro un virus di cui nulla si sapeva soprattutto nella prima fase, hanno contribuito in modo determinante al contenimento della diffusione del contagio … e lo hanno fatto mettendo costantemente a rischio la loro stessa incolumità.
È stato necessario sperimentare nuove modalità d’intervento mai adottate prima e siamo stati capaci di farlo con professionalità … ma non solo del COVID-19 abbiamo dovuto preoccuparci, visto che nel contempo una rinnovata immigrazione clandestina è stata trasformata in un problema di polizia e della sola Polizia di Stato a causa di una mancata gestione del fenomeno non solo da parte del nostro Paese ma soprattutto a livello di Comunità Europea … ed i fenomeni legati alla criminalità organizzata e comune non hanno fatto mancare la loro forte recrudescenza anche durante le restrizioni dovute alla pandemia.
Ogni giorno del 2020 ha testimoniato l’importanza e la centralità delle Forze di Polizia ed in particolar modo della Polizia di Stato che rappresenta l’Autorità Provinciale e Locale di Pubblica Sicurezza, ed il COISP e la Federazione con il MOSAP e la UPLS non hanno mai fatto mancare il proprio apporto per la risoluzione delle molteplici problematiche che si sono evidenziate nel corso dell’anno. In tutto il 2020 il nostro Sindacato ha dimostrato di essere sempre vicino ai bisogni dei Poliziotti e mai distratto da strani ed anomali interessi che purtroppo sono pure arrivati agli onori della cronaca.
Il COISP, l’unico Sindacato veramente Indipendente, grazie anche al suo voler rispondere esclusivamente ai propri associati piuttosto che a soggetti esterni alla Polizia come accade a molti altri sindacati, ha saputo garantire un ascolto continuo e costante con il personale su tutto il territorio, un modo di tutelare i Poliziotti antico nei contenuti ma moderno nelle modalità … con una grande presenza sui media e social network, ed ha saputo battersi con caparbietà per migliorare le loro condizioni lavorative e retributive anche ponendo in essere un confronto serrato e continuo con i vertici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza.
L’impegno di tutte le strutture territoriali del COISP, composte da persone serie e credibili, alle quali va il mio personale ringraziamento per quello che hanno fatto e continueranno a fare, ha permesso anche nel 2020 di continuare a costruire un Sindacato sempre più rappresentativo e quotidianamente presente per i Poliziotti e le loro famiglie.
Tutto ciò ci consentirà, per il quarto anno consecutivo, di conseguire una ulteriore crescita del nostro Sindacato con l’affermazione di un primato di rappresentanza in molte province, …. risultati eccellenti che confermano come il progetto sindacale del COISP sia al passo dei tempi e lontano dal modo di vedere di certi vecchi parrucconi, dediti solamente ai loro personalismi, cui oramai è rimasto di affannarsi tanto, ed invano, alla ricerca di consensi ormai definitivamente persi.
L’anno che verrà, il 2021, vedrà ogni Poliziotto proseguire l’impegno per limitare il contagio della pandemia di COVID-19 … ma auspichiamo anche che vedrà l’Italia ed il Mondo intero batterla definitivamente.
Per ciò che più da vicino riguarda noi Poliziotti, il 2021 sarà l’anno del rinnovo del Contratto di Lavoro (che già in questi ultimi mesi ha visto il COISP, purtroppo quasi in assoluta solitudine, battersi per reperire maggiori risorse economiche), sarà l’anno in cui dovremo ottenere talune importanti ulteriori modifiche al Riordino delle Carriere del 2017, sarà l’anno in cui dovremo fortemente lottare affinché la Sicurezza trovi piena considerazione nel dibattito parlamentare (il COISP ha già sollecitato con decisione il Governo ed i Segretari dei vari partiti affinché la Sicurezza sia una delle voci d’investimento contenute nel Recovery Plan), sarà l’anno in cui dovremo conquistare tutta una serie di diritti anche economici, molti dei quali sono addirittura attribuiti da tempo al restante pubblico impiego.
Ebbene, il COISP sarà presente ed all’altezza di ogni situazione e con il Vostro supporto sarà capace di lottare per il conseguimento di importanti obiettivi per tutti i Poliziotti.
Auguro ad ognuno di Voi ed alle persone che amate un 2021 ricco di soddisfazioni e di serenità.
Un caro abbraccio.

Il Segretario Generale COISP
Domenico Pianese

SCARICA IN PDF