Ferie solidali speciali, bravo il COISP e complimenti al Dipartimento della P.S.

1230

FERIE SOLIDALI SPECIALI

Bravo il COISP per la pervicacia con cui ha sostenuto la necessità di una urgente circolare…
e complimenti anche al Dipartimento della P.S.!

DECRETO-LEGGE 17 MARZO 2020, N. 18, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI, NELLA LEGGE 24 APRILE 2020, N. 27, PUBBLICATA NELLA G.U. N. 110 DEL 29.4.2020, SUPPL. ORD. N. 16.
ART. 87, COMMA 4-BIS: “CESSIONE DI RIPOSI E FERIE MATURATI FINO AL 31 DICEMBRE 2019”

La norma sopra richiamata statuisce che «Fino al termine stabilito ai sensi del comma 1 (…fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-2019…), e comunque non oltre il 30 settembre 2020, al fine di fronteggiare le particolari esigenze emergenziali connesse all’epidemia da COVID-19, anche in deroga a quanto stabilito dai contratti collettivi nazionali vigenti, i dipendenti delle amministrazioni pubbliche di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, possono cedere, in tutto o in parte, i riposi e le ferie maturati fino al 31 dicembre 2019 ad altro dipendente della medesima amministrazione di appartenenza, senza distinzione tra le diverse categorie di inquadramento o ai diversi profili posseduti. La cessione avviene in forma scritta ed è comunicata al dirigente del dipendente cedente e a quello del dipendente ricevente, è a titolo gratuito, non può essere sottoposta a condizione o a termine e non è revocabile. Restano fermi i termini temporali previsti per la fruizione delle ferie pregresse dalla disciplina vigente e dalla contrattazione collettiva».

È chiaramente cosa assai diversa dal “congedo solidale” che solo il COISP, seguito da pochissimi altri, ha preteso di inserire nel Contratto di Lavoro in vigore e che non si è concretizzato (unici tra tutti i dipendenti pubblici) grazie al disinteresse di gran parte dei rappresentanti di ambo le parti seduti al tavolo delle trattative, ma, pur nei suoi limiti temporali (fino a cessazione dello stato di emergenza epidemiologica e comunque non oltre il 30 settembre 2020), è comunque un passo in avanti, da questo Sindacato fortemente richiesto, che facilita, in questo particolare momento, quella enorme solidarietà tra Poliziotti che è intrinseca in ognuno di noi!

Ebbene, fatta la legge mancava una circolare esplicativa da parte del Dipartimento della P.S. e questa, continuamente sollecitata dal COISP, anche in via formale con lettera dello scorso 5 maggio, è in dirittura d’arrivo.
La “bozza di circolare” qui allegata ci è appena pervenuta dall’Amministrazione Centrale ed il suo contenuto ha già ricevuto, per le vie brevi, l’assenso di questa O.S., così consentendo una urgente emanazione.

I Poliziotti potranno cedere ad altro collega, in tutto o in parte, i riposi e il congedo ordinario maturati fino al 31 dicembre 2019. La cessione dovrà avvenire in forma scritta entro il 30 settembre 2020 (la circolare conterrà apposita modulistica) e si concretizzerà una volta che il dipendente indicato come cessionario, a margine della medesima documentazione, accetterà in tutto o in parte il congedo e i riposi a lui ceduti.

I giorni ricevuti potranno essere fruiti nel rispetto della tempistica dettata dal nostro Contratto di Lavoro (entro i 18 mesi successivi laddove non sia stato possibile prima per indifferibili esigenze di servizio o motivate esigenze di carattere personale) e dall’art. 259, comma 6, del d.l. 19 maggio 2020, n. 34 (entro i dodici mesi successivi ai termini previsti ad ordinamento vigente), per cui, a titolo esemplificativo, il congedo ordinario ricevuto (oltre che il proprio), riferito agli anni 2018 e 2019, potrà essere fruito entro il mese di giugno, rispettivamente, del 2021 e del 2022.

La bozza di circolare predisposta dall’Amministrazione è perfetta in tutti i suoi aspetti. Costituisce un lavoro encomiabile che merita il nostro più sincero apprezzamento.
Il contenuto di tale “bozza”, per chiarezza di esposizione, rende impossibile qualsivoglia interpretazione e per fortuna non ha inteso prendere in considerazione le incredibili pretese di qualche sindacato che avrebbe voluto porre limiti e condizioni alla cessione delle ferie benché la stessa norma non lo preveda.

Bravo il COISP … e complimenti anche al Dipartimento della P.S.!

Roma, 27 maggio 2020

La Segreteria Nazionale del COISP

SCARICA QUESTA NOTA E LA CIRCOLARE IN PDF