3a Divisione del Servizio Concorsi – Centro Psicotecnico, un modello da cui non prendere esempio ed una situazione che abbisogna di urgente intervento

2666

Roma, 18 maggio 2023

MINISTERO DELL’INTERNO
DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA
SEGRETERIA DEL DIPARTIMENTO
UFFICIO RELAZIONI SINDACALI DELLA POLIZIA DI STATO

OGGETTO: 3a Divisione del Servizio Concorsi – Centro Psicotecnico, un modello da cui non prendere esempio ed una situazione che abbisogna di urgente intervento.

La nostra Amministrazione è obbligata a garantire un elevatissimo livello di efficacia ed efficienza che in altri settori pubblici può anche mancare ed essere anche soltanto sufficiente. Da noi, difatti, si pretende di garantire la sicurezza dei cittadini e la salvaguardia dei loro beni, il rispetto delle leggi, la difesa delle Istituzioni democratiche del Paese … non propriamente compiti di poco conto ma anzi vitali per il Paese. Va da sé che tutte le componenti dell’Amministrazione devono essere ben funzionanti ed il Dipartimento della P.S., fulcro della nostra Polizia di Stato e modello per tutti gli Uffici periferici, deve mostrarsi, nei fatti, non certo di rasentare la perfezione, perché sarebbe impossibile, ma quantomeno di non farsi conoscere per una manifesta irragionevolezza delle proprie azioni, per un’attività che allontana considerevolmente da quel ricordato necessario livello di elevata funzionalità.
Ebbene, i fatti di cui appresso si dirà brevemente sono altamente preoccupanti. Probabilmente mai in passato all’interno proprio del Dipartimento si è registrata tanta irrazionalità.
Alcuni giorni addietro alcuni colleghi in servizio presso la predetta Divisione del Servizio Concorsi – Centro Psicotecnico si sono ritrovati con le proprie credenziali MIPG Web disattivate, senza alcun preavviso, comunicazione formale e/o motivazione. Dopo tre giorni il Direttore della Divisione li ha invitati a proseguire la propria importante attività utilizzando le credenziali di altro collega, l’unico della Sezione di appartenenza cui erano state lasciate attive.
Quando il predetto personale ha quindi formalmente rammentato al Direttore della Divisione le difficoltà dell’Ufficio a provvedere ai propri importanti compiti mancando la possibilità di accedere al sistema MIPG Web nonché il fatto che la vigente normativa impedisce tassativamente l’uso di credenziali assegnate a persona diversa (nel territorio, laddove accaduto sono stati anche avviati procedimenti disciplinari la cui definizione, afflittiva per i colleghi interessati, dovrebbe a questo punto, visti i fatti di cui sopra, forse essere rivalutata)… e dopo breve, nella medesima giornata, anche al Dirigente della Sezione Selezioni Speciali si è ritrovato anch’esso con la propria utenza MIPG Web bloccata, anche in questo caso senza alcun preavviso, comunicazione formale e/o motivazione.
Il risultato di quanto sopra è che alcuni colleghi, tra cui anche un ispettore, quasi tutti i componenti di un importante settore del Dipartimento, si ritrovano a non poter esperire alcuna attività e nessun altro incarico viene loro assegnato.
Ma non solo …
Il monte ore per il lavoro straordinario di cui dispone la citata Divisione che dovrebbe essere ripartito tra il personale, al fine di garantire la completezza delle attività da svolgere, invece viene distribuito in maniera alquanto insolita.
A ciò si aggiunge la costante negazione di alcuni diritti fondamentali, il demansionamento di alcuni dipendenti che sono di fatto costretti a non poter svolgere alcuna attività lavorativa, l’inosservanza di norme statuite dal vigente Accordo Nazionale Quadro, l’errata applicazione degli istituti contrattuali.
Insomma, tutt’altro che un modello esemplare di gestione delle risorse e di funzionalità ed efficienza … ma fatti di una gravità assoluta.
In considerazione di quanto evidenziato e stigmatizzato, si chiede a Codesto Ufficio un urgente intervento presso le articolazioni del Dipartimento della P.S. competenti, significando che al permanere delle gravi condotte violatore il COISP attuerà ogni opportuna iniziativa presso l’Autorità Giudiziaria competente a tutela del personale della Polizia di Stato in servizio presso il citato Centro.
In attesa di cortese urgente riscontro, l’occasione è gradita per inviare i più Cordiali Saluti.

La Segreteria Nazionale del COISP

SCARICA QUESTA NOTA IN PDF