216° corso di disin-formazione per allievi agenti della Polizia di Stato. Volontà o sconoscenza il fatto è egualmente grave

6408

Roma, 9 febbraio 2022

AL SIGNOR CAPO DELLA POLIZIA
DIRETTORE GENERALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA
Prefetto Lamberto Giannini

e, per conoscenza:
DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA
ISPETTORATO DELLE SCUOLE DELLA POLIZIA DI STATO
DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA

SEGRETERIA DEL DIPARTIMENTO
UFFICIO RELAZIONI SINDACALI DELLA POLIZIA DI STATO
c.a. Direttore, Vice Prefetto Maria De Bartolomeis

OGGETTO: 216° corso di disin-formazione per allievi agenti della Polizia di Stato – Volontà o sconoscenza il fatto è egualmente grave.

Preg.mo Signor Capo della Polizia,
come ben evidenziato nelle pagine internet dell’Ispettorato delle Scuole della Polizia di Stato
■ il sistema formativo nella Polizia di Stato si sviluppa su tre livelli, il primo dei quali, relativo alla c.d. formazione di base del personale dei ruoli ordinari e tecnici, precede l’accesso alle varie qualifiche (Agenti, Sovrintendenti, Ispettori, Commissari, qualifiche iniziali dei Ruoli Tecnici);
■ alla formazione tradizionale della didattica frontale, cioè in aula, con la contestuale presenza dei docenti che erogano i contenuti formativi e dei discenti che li apprendono in quella sede, si è da tempo aggiunta un’innovativa metodologia formativa denominata e-learning o F.A.D. (formazione a distanza) che viene erogata elettronicamente attraverso la rete internet o le reti intranet e che, sfruttando le tecnologie informatiche utilizzate nella informazione e nella comunicazione, è svincolata dai condizionamenti temporali e spaziali e consente di raggiungere contemporaneamente un numero elevato di utenti e di somministrare, in tempi brevissimi, contenuti uniformi ed esaustivi;
■ la formazione della Polizia di Stato dedica particolare cura all’insegnamento dei principi della Costituzione e dei diritti e doveri dei cittadini, di materie giuridiche, professionali, etc. etc., con il preciso obiettivo di conseguire la più alta preparazione professionale del personale e di promuovere il senso di responsabilità e la capacità di iniziativa.

Ora, quanto accaduto in questi giorni durante lo svolgimento della F.A.D. (formazione a distanza) dei frequentatori del 216° corso per Allievi Agenti della Polizia di Stato, sicuramente
– conferma che detta formazione è svincolata dai condizionamenti temporali, visto che è stato presentato un dato fattuale risalente ad oltre 15 anni addietro … che oggi è totalmente diverso,
– suscita preoccupazione se è stato uniformemente diffuso in tutte le Scuole e Istituti interessati dal citato 216° corso e in altri corsi … e se qualcuno ritiene davvero di aver dato elementi esaustivi (non lo sono affatto perché – come detto – risalenti a oltre 15 anni fa);
– non contribuisce affatto a conseguire la più alta preparazione considerato che fornisce dati falsi … se rapportati al periodo attuale come dovrebbe essere;
– certifica che non è necessario che sia l’Amministrazione a preoccuparsi di promuovere la capacità di iniziativa, visto che di tale capacità i frequentatori dei corsi per Allievo Agente ne hanno già in abbondanza, tale da avere acquisito, d’iniziativa, ancor prima di iniziare il corso di formazione, piena e “corretta” conoscenza di quei dati che durante il corso di formazione (in questo caso è più corretto parlare di “corso di disin-formazione”) si vorrebbero comunicare manipolati … per errore o volontariamente.
L’accaduto, nel dettaglio, è presto detto. Durante lo svolgimento della formazione a distanza, i frequentatori del 216° corso per Allievi Agenti di stanza alla Scuola Allievi Agenti di Cesena (non abbiamo voluto informarci se il fatto ha riguardato anche altre Scuole e Istituti ma immaginiamo di sì … stante l’asserita uniformità della formazione), si sono visti presentare delle slide relative alle “SIGLE SINDACALI PIÙ RAPPRESENTATIVE IN AMBITO NAZIONALE” che così venivano indicate:
– SIULP
– SAP
– SIAP-ANFP
– SILP
– FSP-UGL
– FED.CONSAP-ITALIA SICURA
– COISP-UP-FPS
– UILPS.

Sono state indicate otto Organizzazioni Sindacali della Polizia di Stato quando da quattro anni sono solo sei, sono stati indicati Sindacati e Federazioni oggi inesistenti, è stato evidenziato un ordine inerente la maggiore
rappresentatività del tutto falso rispetto alla situazione attuale.
Insomma, come già detto, è stata oggi rappresentata una situazione di ben 15 anni addietro, del 2007 … e poco importa se volutamente, con l’intento di favorire alcuni rispetto ad altri, o se involontariamente a causa di una inaccettabile, completa sconoscenza dell’argomento che si voleva trattare.
Il fatto è egualmente grave e tale gravità non è nemmeno mitigata dalla circostanza che la capacità di iniziativa di questi nostri nuovi Colleghi li ha già portati, da tempo, ancor prima di iniziare a frequentare il corso di formazione, ad avere cognizione piena di quali sono i Sindacati di Polizia “seri”, tra i quali spicca certamente il COISP, e quali altri sono guidati da sindacalisti intenti solo a mantenere la propria personale posizione e/o personaggi che anche recentemente sono balzati agli onori della cronaca certamente non per comportamenti deontologicamente edificanti ma più degni di televenditori di paccottiglia.
Riteniamo che fornire ufficialmente durante il corso di formazione degli Allievi Agenti informazioni fortemente distanti dalla realtà, rispetto a quali siano le Organizzazioni Sindacali maggiormente rappresentative sia un errore che va sanato.

A Lei, Gent.mo Signor Capo della Polizia le opportune valutazioni e eventuali azioni in merito a quanto sopra rappresentato.
Con sincera e profonda stima,

Il Segretario Generale del COISP
Domenico Pianese

SCARICA LA NOTA IN PDF