Servizi di Sicurezza in alta montagna, esito riunione

566
Polizia di Stato - Soccorso alpino e sicurezza in montagna
Polizia di Stato - Soccorso alpino e sicurezza in montagna

Nella mattinata odierna, a seguito di espressa richiesta da parte del COISP, si è tenuta presso il Dipartimento
una riunione per discutere i contenuti della bozza di circolare predisposta dall’Amministrazione al fine di
regolare, per la stagione sciistica 2018/2019, i servizi di sicurezza e soccorso in montagna a cura della Polizia di Stato presso le località sciistiche presenti nel territorio nazionale.
La riunione è stata presieduta dal Direttore Centrale per gli Affari Generali, Prefetto Carmelo Gugliotta, coadiuvato dalla Dr.ssa Grazia Mirabile, Direttore del Servizio Affari Generali della medesima Direzione Centrale, della Dr.ssa Tiziana Terribile, Direttore del Servizio Agenti, Assistenti e Sovrintendenti della Direzione Centrale per le Risorse Umane, e dal Vice Prefetto Maria De Bartolomeis, Direttore dell’Ufficio per le Relazioni Sindacali del Dipartimento.
Il COISP, nel proprio intervento, ha in primis stigmatizzato il fatto che Amministrazione non ha mantenuto l’impegno, formalizzato nelle riunioni tenutesi sull’argomento lo scorso anno, di avviare, al termine della stagione sciistica 2016/2017, un tavolo di confronto con le OO.SS. per stabilire, in maniera condivisa e sulla base degli elementi oggettivi rilevati in questi ultimi anni (numero di interventi, estensione di ogni singola località, tempi di intervento dettati anche dalle varie condizioni logistiche, presenza altre Forze di Polizia, etc..), quella che deve essere la composizione minima del team di Poliziotti da impiegare presso ogni località sciistica al fine di garantire l’efficienza del servizio ma soprattutto la sicurezza dei nostri colleghi.
Il COISP ha quindi denunciato l’assoluta insufficienza del numero di operatori destinati in generale ai servizi in questione ed in particolare a Cortina d’Ampezzo dove ci sono 3 comprensori sciistici, Lagazuoi – Tofana la Valles – San Vito (appartenente addirittura ad altro comune e non collegato come impiantistica) e dove l’Amministrazione ha previsto l’impiego di soli 7 (sette) operatori, mentre secondo i parametri stabiliti nella bozza di circolare dallo stesso Dipartimento della P.S. predisposta (n. 3 operatori per comprensorio per garantire le turnazioni ed i riposi) è opportuno l’impiego di almeno 9 (nove) operatori.
Il COISP ha poi chiesto una revisione del “Regolamento per l’attività di sicurezza e soccorso in montagna…” approvato con decreto del Capo della Polizia del 29 dicembre 2015, evidenziando la necessità, tra le tante cose, di riconoscere il punteggio aggiuntivo “per ogni stagione in cui è stato prestato servizio in qualità di responsabile o di operatore del team” anche a quei colleghi che, pur trovandosi in posizione favorevole nella graduatoria, non vengono impiegati nei ridetti servizi non per loro volontà ma a causa della cosiddetta “equa rotazione tra il personale” introdotta a decorrere dalla passata stagione sciistica, nonché di
inserire un punteggio che vada a premiare la disponibilità data come “numero di stazioni” indicate nell’istanza da parte degli operatori interessati ai servizi in argomento.
La nostra richiesta di incrementare il numero di operatori presso i comprensori sciistici di Cortina d’Ampezzo e di rivedere il citato Regolamento, è stata poi condivisa da numerose altre OO.SS..
Lo stesso Prefetto Carmelo Gugliotta si è dichiarato convinto sulla necessità di rivedere il Regolamento
(cosa che comunque potrà essere fatta con validità dalla stagione sciistica 2019-2020), mentre relativamente
al richiesto incremento di almeno due unità del numero di operatori presso i 3 comprensori sciistici di Cortina d’Ampezzo, si è riservato una determinazione a seguito di un confronto interno all’Amministrazione che avrebbe immediatamente predisposto al termine della riunione.
Chiaramente auspichiamo che anche questa nostra giusta e motivata richiesta trovi piena condivisione da
parte del Dipartimento.

Roma, 28 agosto 2018

La Segreteria Nazionale del COISP