Genova, il pensiero commosso del COISP…ed alcune riflessioni

220

Il pensiero in questa giornata dovrebbe essere rivolto alla festa ed alla spensieratezza. Invece tutta l’Italia, quella Italia fatta di persone perbene, si stringe intorno alle famiglie che hanno subito lutti che sono inaccettabili.
La tragedia accaduta a #Genova è qualcosa di inspiegabile. Bambini, donne e uomini sepolti dalle macerie, le lacrime dei familiari.
Le frasi di circostanza che i politici, tutti i politici, dicono sempre in queste circostanze…..”accerteremo le responsabilità, chi ha sbagliato pagherà, cose del genere non possono accadere…….” eccetera, sono frasi che non servono in alcun modo a lenire l’enorme dolore di chi ha perso i propri cari per l’inettitudine di chi ha amministrato politicamente e tecnicamente il Paese.
Quello che è accaduto ieri a Genova, insieme a tante altre tragedie, è il frutto di anni in cui si è pensato che tagliare le spese per la manutenzione delle infrastrutture fosse la strada giusta da percorrere per risanare i bilanci ed essere rispettosi dei parametri economici imposti dall’Europa.
E la rete stradale, quella ferroviaria, la messa a norma degli Istituti Scolastici, l’efficienza delle Forze di Polizia sono state sacrificate sull’altare di una scriteriata spending review .
Il pensiero commosso del #COISP va a chi ha perso i propri cari e non riesce a spiegarsi come questo sia potuto accadere.
Tutti gli appartenenti alle Forze di #Polizia, dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile e gli Operatori Sanitari stanno dando in queste ore l’esempio, con uno spirito di sacrificio senza pari !
Alcuni dicono che questo non è il momento delle polemiche, ma la rabbia di quanto continuiamo a vedere dalle immagini da cui non riusciamo a staccarci, le continue segnalazioni dei nostri Colleghi, fanno emergere la necessità di non accettare in silenzio quanto sta accadendo nel nostro Paese.
In un Paese normale questa mattina avremmo sentito in apertura dei Tg che i vertici delle società che amministrano questi tratti stradali si erano dimessi, chiedendo scusa ai cittadini.
Invece tutti in silenzio , un assordante silenzio!

Il Segretario Generale del COISP
Domenico Pianese