Esito dell’incontro sul progetto di riorganizzazione dei Reparti Mobili

1914

Si è appena concluso, presso il Dipartimento della P.S., il previsto incontro in merito al progetto di riorganizzazione dei Reparti Mobili della Polizia di Stato.
La riunione è stata presieduta dal Sottosegretario all’Interno On. Nicola MOLTENI, coadiuvato dal Vice Capo della Polizia con funzioni vicarie Prefetto Luigi SAVINA e dal Direttore Centrale per le Specialità Prefetto Roberto SGALLA.
La parte pubblica ha evidenziato che il decreto di organizzazione dei Reparti Mobili è del 1986 e che pertanto vi è la necessità di una riorganizzazione strutturale degli organici e dell’organizzazione dei detti Reparti.
A parere dell’Amministrazione l’insorgenza di nuove problematiche sociali richiede anche una revisione delle modalità d’impiego dei contingenti dei Reparti Mobili, a cominciare dalla possibilità di dividere la squadra di dieci unità in due sotto-squadre di cinque unità che dovrebbero comunque operare a vista.
Necessiterebbe inoltre che vi sia la possibilità per i Reparti Mobili di svolgere missioni internazionali, l’attribuzione del comando dei Reparti di Roma e Milano ad un Dirigente Superiore e la revisione delle articolazioni interne per snellire le procedure gestionali.
Il progetto di riorganizzazione prevedrebbe, infine, un incremento della dotazione organica complessiva dei Reparti Mobili, dalle attuali 5.178 a 5.611 unità.
La Federazione COISP ha preliminarmente chiesto all’Amministrazione di consegnare al Sindacato la bozza del progetto di riorganizzazione dei Reparti Mobili così da poterla compiutamente analizzare visto che la stessa – da quanto illustrato – modificherebbe profondamente l’articolazione dei Reparti Mobili.
La Federazione COISP ha evidenziato la propria ferma contrarietà a qualsiasi provvedimento che preveda la suddivisione della squadra in due sotto-squadre di cinque operatori e nel merito delle molteplici questioni che riguardano l’organizzazione interna delle varie articolazioni che compongono i Reparti Mobili, quindi l’eventuale revisione dei nuclei, degli uffici servizi e degli uffici amministrazione, ha chiesto all’Amministrazione di prevedere ulteriori approfondimenti e incontri.
Relativamente agli organici previsti per ogni Reparto, la Federazione COISP ha infine chiesto di poter conoscere i criteri che sono stati utilizzati come riferimento per statuirne l’entità. Ha poi puntualizzato che è del tutto fuori luogo la previsione di un Dirigente Superiore per i Reparti di Roma e Milano a meno che non ci sia analoga ipotesi per la direzione del Reparto Mobile di Napoli che ha l’identico organico di quello di Milano.
La Federazione COISP ha inoltre chiesto che continui il confronto anche in merito al progetto di riorganizzazione degli Uffici di Polizia di Frontiera Terrestre e Marittima, rispetto al quale sono state rilevare molteplici criticità.
La riunione si è conclusa con l’impegno del Sottosegretario On.le Nicola Molteni a continuare il confronto sia per gli Uffici di Polizia di Frontiera sia per i Reparti Mobili, mentre l’Amministrazione si è impegnata ad inviare al Sindacato la bozza di riorganizzazione dei Reparti Mobili e quindi la programmazione di ulteriori incontri.

Roma, 6 febbraio 2019

La Segreteria Nazionale del COISP

SCARICA QUESTO COMUNICATO IN FORMATO PDF