ALDOVRANDI, A FERRARA E’ ARRIVATA L’AGGRESSIONE FISICA AI POLIZIOTTI DEL COISP

506

 

 

 

 

COMUNICATO STAMPA DEL 14 MARZO 2013

Oggetto: Caso Aldrovandi, a Ferrara violenza fisica contro i Poliziotti del Coisp impegnati a cercare il dialogo con la gente. Maccari: “Sapevamo che sarebbe accaduto, è il frutto inevitabile dell’irresponsabile istigazione all’irragionevolezza e all’odio pervicacemente attuata da alcuni”

“E’ arrivata inevitabile la violenza fisica contro i Poliziotti che, a Ferrara, pacificamente, democraticamente e responsabilmente hanno cercato un sano e proficuo confronto con la cittadinanza su temi delicati quanto, a tratti, oscuri ai più, trovando peraltro ampio e positivo riscontro tra la gente. Sottolineo ‘inevitabile’ perché, una pervicace azione di istigazione all’odio verso le Forze dell’Ordine in qualunque veste esse si pongano, attuata da alcuni, non poteva che attecchire, sia pur nella positività e nella più generale fiducia manifestata dai cittadini, nella mente di singoli più esposti alle strumentalizzazioni di tematiche di forte impatto emotivo. Ora, forse quel qualcuno sentirà una certa soddisfazione nel sapere che i colleghi sono stati presi di mira dal teppista di turno, ma il vero risultato raggiunto qual è? L’aver spinto a colpire, ma certo non mortalmente, ciò che di significativo è nato da un dramma, la voglia di cogliere l’opportunità di confrontarsi, di conoscersi più a fondo, di comprendere ciò che tanti non immaginano di noi e del nostro lavoro, di trovare un giusto e sano punto di incontro fra posizioni che possono sembrare contrapposte. Il vero risultato è aver dimostrato come la violenza generi violenza, l’irragionevolezza generi chiusure pericolose verso il dialogo duro forse, ma corretto, la rancorosa quanto inutile ricerca di capi espiatori generi pericolose reazioni inconsulte che violano la legge e mettono a rischio la sicurezza di tutti. Non ci speriamo molto, ma chissà che un sia pur mite sentimento di vergogna, dopo questa squallida aggressione, non attraversi menti e cuori di chi, esternando violentemente la propria condanna verso i colleghi, non ha fatto altro che spargere il seme di quella stessa violenza che tanto ha sostenuto di voler criticare…”.

Così Franco Maccari, Segretario Generale del Sindacato Indipendente di Polizia, dopo che a Ferrara i colleghi della Segreteria Provinciale del Coisp che, da giorni, stanno portando avanti un’iniziativa che li vede impegnati a girare per le strade a bordo di un camper per manifestare vicinanza ai quattro colleghi condannati a seguito della morte di Federico Aldrovandi mandati in carcere per scontare sei mesi di pena contrariamente a quanto stabilito dalla stessa legge.

L’iniziativa è stata contestata violentemente da alcuni in rete, tanto da indurre a tirarsi indietro quelli che avrebbero dovuto fornire al Coisp i mezzi per realizzarla e, dopo la comparsa di scritte minacciose e ingiuriose contro i Sindacalisti non solo per le strade di Ferrara, ma anche in uno striscione esposto all’interno dello stadio di Salerno, ieri i Poliziotti impegnati a bordo del camper sono stati oggetto del lancio di due fumogeni che hanno oltre tutto messo a repentaglio anche la sicurezza dei passanti.

“E’ proprio contro manifestazioni di astio e violenza come quella di ieri che l’iniziativa dei volenterosi e coraggiosi colleghi di Ferrara era diretta – conclude Maccari -, e ciò che è accaduto non fa che acuire la convinzione che la nostra presenza e il confronto che perseguiamo con ogni mezzo siano quanto più necessarie che mai”.

Ufficio Stampa Co.I.S.P. Nazionale – Responsabile: Olga Iembo Collaboratori: Antonio Capria, Piero Affatigato

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here