Violazioni dell’ANQ ed inammissibile impiego del personale del Distaccamento Polstrada di Lanciano come operatore COT presso l’adiacente Commissariato di P.S.

878

Roma, 27 marzo 2019

MINISTERO DELL’INTERNO
DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA
SEGRETERIA DEL DIPARTIMENTO
UFFICIO PER LE RELAZIONI SINDACALI

OGGETTO: Violazioni dell’ANQ ed inammissibile impiego del personale del Distaccamento Polstrada di Lanciano come operatore COT presso l’adiacente Commissariato di P.S.

Presso il Distaccamento della Polizia Stradale di Lanciano (CH) sembra essersi consolidata la strana consuetudine di comandare un dipendente, anche componente delle pattuglie, ad effettuare un turno quale Operatore COT presso l’adiacente Commissariato di P.S..
Sugli ordini di servizio del citato Commissariato è frequente leggere la dicitura: pol. stradale 07.00/13.00 COT oppure pol. stradale 00.07/07.00 COT, etc. etc..
Gli operatori della Polizia Stradale, peraltro, hanno una turnazione totalmente diversa da quelli del Commissariato. I primi, infatti, effettuano il 19/01, 13/19, 07/13 e 01/07 mentre i turnisti del Commissariato il 19/24, 13/19, 07/13 e 00/07.
L’impiego di un operatore della Stradale nel servizio di COT del Commissariato nel turno serale o notturno, obbliga quindi ad variazione degli orari statuiti per il citato dipendente della Specialità, senza che alcuna intesa in tal senso sia mai stata chiesta e/o raggiunta con il Sindacato.
Oltre alla grave violazione delle norme dettate dall’ANQ vigente nonché delle prerogative sindacali, il menzionato impiego avviene anche senza che il personale della Polizia Stradale sia stato chiamato ad effettuare un qualsivoglia corso di qualificazione per adempiere alle funzioni di operatore COT.
Su tutto l’evidente incomprensibile commistione di impiego che vede il personale del Distaccamento Polstrada di Lanciano un dato giorno svolgere servizio presso la Specialità ed un altro giorno alle dipendente del Questore ad espletare compiti di operatore 113, centralinista, ricezione pubblico e chi più ne ha più ne metta.
L’intervento della nostra Segreteria Provinciale di Chieti (vedasi allegato) non ha ancora trovato riscontro da parte del Questore di quella provincia, se non la programmazione di mini corsi di formazione di tre ore presso il COT nei confronti dei colleghi della Stradale.
Tutto ciò premesso, si chiede a codesto Ufficio di intervenire presso il Compartimento Polizia Stradale per l’Abruzzo e presso il Questore di Chieti al fine di far cessare immediatamente l’impiego del personale della Specialità presso il Commissariato della P.S. di Lanciano.
Diversamente codesto Ufficio vorrà precisare se la commistione di impiego sopra evidenziata (personale della Polizia Stradale che saltuariamente viene comandata di servizio presso gli Uffici della Questura, nel caso di specie un Commissariato di P.S.) è una nuova modalità gestionale che può essere attuata in tutto il territorio nazionale, anche ovviamente in senso inverso (dalla Questura alle specialità), e su chi ricade, in ambito provinciale, la potestà di disporre in tal senso del personale in servizio presso tutti
gli Uffici e Reparti del territorio.

In attesa di cortese urgentissimo riscontro, l’occasione è gradita per inviare i più Cordiali Saluti.

La Segreteria Nazionale del COISP

SCARICA QUESTA NOTA IN FORMATO PDF