Roma, tempi di attesa inaccettabili per le visite presso il C.M.O.

273

L’assordante silenzio dell’Ufficio Sanitario Provinciale ha costretto il COISP di Roma a scrivere direttamente al Questore per chiedere conto degli inaccettabili ritardi nelle convocazioni alle C.M.O. e della totale assenza di linee guida per l’esonero dai servizi esterni

LEGGI LA NOTA IN FORMATO PDF