Ripartizione distacchi e monte ore permessi sindacali ex artt. 31 e 32 D.P.R. 164/2002. Lettera al Ministro della Funzione Pubblica

757

Roma, 6 maggio 2019

AL SIGNOR MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA
Senatrice Giulia Bongiorno
e, per conoscenza:

AL SIGNOR CAPO DELLA POLIZIA
Direttore Generale della Pubblica Sicurezza
Prefetto Franco Gabrielli

OGGETTO: Ripartizione distacchi e monte ore permessi sindacali ex artt. 31 e 32 D.P.R. 164/2002

Preg.mo Signor Ministro,
l’art. 31, comma 2, del D.P.R. 164/2002, così come modificato dall’art. 22, comma 4,
del D.P.R. 51/2009, statuisce, in materia di “Distacchi sindacali”, quanto segue:

Alla ripartizione degli specifici contingenti complessivi dei distacchi sindacali di cui al comma 1 tra le organizzazioni sindacali del personale, individuate con decreto del Ministro per la funzione pubblica ai sensi dell’articolo 2, comma 1, lett. A) del decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 195, e rappresentative sul piano nazionale ai sensi della normativa vigente, provvede, nell’ambito rispettivamente della Polizia di Stato, del Corpo della Polizia Penitenziaria e del Corpo Forestale dello Stato, il Ministro per la Funzione Pubblica, sentite le organizzazioni sindacali interessate, entro il primo quadrimestre del 2003, con riferimento allo stesso anno, e successivamente entro il primo quadrimestre di ciascun biennio.

L’art. 32, comma 3, del D.P.R. 164/2002, così come modificato dall’art. 22, comma 5, del
D.P.R. 51/2009, statuisce, in materia di “Permessi sindacali”, quanto segue:

Alla ripartizione degli specifici monte ore annui complessivi di permessi sindacali indicati nel comma 2 tra le organizzazioni sindacali del personale individuate con decreto del Ministro per la Funzione Pubblica ai sensi dell’articolo 2, comma 1, lettera A) del decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 195, e rappresentative sul piano nazionale ai sensi della normativa vigente provvedono, nell’ambito rispettivamente della Polizia di Stato, del Corpo della Polizia Penitenziaria e del Corpo Forestale dello Stato, le amministrazioni di appartenenza del personale interessato, sentite le rispettive organizzazioni sindacali aventi titolo entro il 31 marzo 2003, con riferimento all’anno 2002, e successivamente entro il 31 marzo di ciascun anno.

Il Dipartimento della P.S. ha provveduto, da tempo, ad inviare i dati complessivi relativi alle
deleghe per la riscossione del contributo sindacale al Suo Dipartimento che, di contro, ad oggi, sebbene siano largamente scaduti i termini dettati dalle citate norme di legge, non ha formalizzato il decreto ai sensi dell’articolo 2, comma 1, lett. A) del decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 195 e, conseguentemente, non ha provveduto alla ripartizione dei distacchi sindacali, impedendo anche all’Amministrazione della P.S. di provvedere alla ripartizione dei permessi sindacali.
Quanto sopra è causa di un gravissimo danno, attuale e quantificabile, a questa
organizzazione sindacale che ha registrato una importantissima crescita in termini di rappresentatività e non si vede la possibilità di fruire di quegli ulteriori distacchi sindacali di cui avrebbe diritto (quasi il doppio rispetto agli attuali), a vantaggio di altri soggetti sindacali cui l’utilizzo è ancora impropriamente consentito.
Tutto ciò premesso, La prego, Preg.mo Signor Ministro, di voler intervenire con ogni
possibile urgenza sulla questione, provvedendo all’emanazione del decreto richiesto dalla sopra ricordata normativa.

Con sincera e profonda stima.

Il Segretario Generale della Federazione COISP
Domenico Pianese

SCARICA QUESTA NOTA IN FORMATO PDF