Rimozione monumento memoria Giuliani, COISP in piazza

58

 

 

Genova, lì 11 Agosto 2013

COMUNICATO STAMPA

Oggetto: Il Coisp non si ferma , pronta una raccolta firme a Genova per togliere il monumento di Carlo Giuliani in Piazza Alimonda, e se non arriveranno risposte, manifesteremo il nostro dissenso sotto il Comune.

“Ad oggi purtroppo restiamo ancora in attesa di una risposta ufficiale da parte del Comune , in merito a chi abbia autorizzato l’installazione di un ceppo di granito in Piazza Alimonda alla memoria di Carlo Giuliani , il giovane manifestante ucciso da un carabiniere per legittima difesa nel lontano G8 del 2001! Considerato però che la pazienza è la virtù dei forti , noi attendiamo nella speranza che prima o poi, qualcuno ci faccia sapere chi abbia potuto acconsentire un simile inopportuno e vero e proprio schiaffo alla democrazia, alla legalità ed alla dignità delle donne e degli uomini della Polizia di Stato, che in quei giorni dell’ormai lontano Luglio 2001 , hanno riportato gravi ferite durante gli scontri di Piazza.”

Inizia così l’intervento di Matteo Bianchi Segretario Generale Provinciale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, in merito alla chiara posizione del Coisp sulla rimozione del monumento realizzato in Piazza Alimonda:”Noi alla stregua di molti , anche degli altri sindacati della Polizia di Stato, non ci stiamo , perché troviamo veramente assurdo , anche per rispetto appunto delle Forze di Polizia , l’aver potuto permettere la posa di questo ormai famoso ceppo di granito, alla memoria di una persona che attentò la vita di un rappresentante delle Forze dell’Ordine ed oggi sinceramente non riusciamo a capire quale esempio possa dare alle future generazioni , se non far passare un chiaro messaggio di come a Genova chi assalti o si scagli con violenza contro le Forze di Polizia sia considerato alla stregua di un eroe e dunque vada onorato come merita ” Ancora Bianchi:”In questi gironi abbiamo attuato una petizione on line, che ad oggi ha superato le 5000 adesioni, un sondaggio nel nostro sito ufficiale della Liguria www.coisplevante.itsulla possibilità di rimozione appunto del granito.

E' stato interessato anche l’intero Consiglio Comunale di Genova, al quale è stata chiesta la possibilità di conoscere se la posa di detto monumento si stata autorizzata o meno e chi abbia firmato le pratiche per l’installazione dello stesso in Piazza Alimonda, nella speranza di non trovarci a ricevere la classica semplicistica giustificazione in cui si legge che, avendo la vecchia targa ivi presente le dovute autorizzazioni, vista la similitudine del ceppo , le stesse non dovessero essere richieste! Anche perché in questo caso, chiunque a Genova potrebbe sentirsi in diritto e dovere di sostituire dei propri beni privati , con altri più voluminosi, magari anche degli immobili.”

Conclude Bianchi: “Comunque la nostra azione non terminerà qui , ci stiamo già attivando con una raccolta firme per le piazze di Genova che inizierà approssimativamente alla fine del mese di Agosto, da consegnare al Signor Sindaco, ribadendo che, in assenza di risposte, siano esse positive o negative, il Coisp unitamente a quelle forze Politiche , sociali ed associazionistiche che lo desidereranno e dai dati in nostro possesso non sembrano essere poche, attuerà una manifestazione sotto il Comune di Genova, finché venga detta la verità su quanto da noi richiesto in questi mesi.”

Segreteria Provinciale Coisp Genova

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here