slogan.png

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Massima del giorno del 17 febbraio 2017

So che per questo titolo mi condanneranno. Alcuni – i più – diranno: sarebbe ora che la smettesse con queste sciocchezze. Al giorno d'oggi lo capiscono tutti che la fede cristiana è una delle tante religioni. E tutte le religioni sono superstizioni, sono cioè quel materiale che più di ogni altra cosa intralcia l'evoluzione dell'umanità. Altri diranno: come, di un cristiano? Chi può dire di sé: io sono un cristiano? Il vero cristiano è innanzitutto umile e non osa definir sé stesso cristiano né tantomeno dichiararsi tale sulla carta stampata. Mi condannino pure, ma io metterò questo titolo. Non mi fa paura che mi si accusi di essere retrogrado perché non soltanto non ritengo che la religione sia una superstizione ma, al contrario, ritengo che la verità religiosa sia l'unica verità accessibile all'uomo, e la dottrina cristiana io la ritengo una verità che - lo vogliano riconoscere gli uomini o no - si trova a fondamento di tutto il sapere umano, e non mi fa paura nemmeno che mi si condanni perché ho l'orgoglio di chiamarmi cristiano, dato che, le parole “io sono un cristiano”, le intendo diversamente da come le si intende di solito. (Lev Tolstoj)