Il COISP ha incontrato il Direttore del Servizio tecnico scientifico

305

Lo scorso 18 ottobre una delegazione del COISP composta dal Segretario Nazionale
Mario Vattone, dal Coordinatore Nazionale Ruoli Tecnici Gianni Valeri e dal Presidente della Consulta Nazionale Ruoli Tecnici Maurizio Bellini, ha incontrato il Direttore del Servizio Tecnico Scientifico Professionale della Polizia di Stato Dr. Franco Famiglietti.
Il costruttivo incontro si è svolto con la consueta cordialità affrontando le diverse proposte ed osservazioni formulare dal Coordinamento Nazionale Tecnici COISP.
Nello specifico è stato chiarito che in merito alla mancanza di riferimento delle funzioni legate ai direttori tecnici principali presenti nel riordino delle carriere è necessario fare riferimento alla norma principale di riferimento che modifica il D.P.R. 334 del 2000, precisamente all’art. 30 dove sono esplicitate tali funzioni.
Il COISP in più occasioni ha chiesto di introdurre anche per i funzionari tecnici con la qualifica di direttore tecnico capo e superiore la stessa denominazione delle omologhe qualifiche del personale che espleta funzioni di polizia, in merito ci è stato chiarito che ciò non si è reso possibile in quanto vincolati da un principio di equiordinazione rispetto al personale della polizia penitenziaria.
E’ stata inoltre affrontata la progressione di carriera dei medici in merito ai tempi
di avanzamento più agevolati rispetto agli altri funzionari tecnici. Rispetto a ciò ci è stato riferito che tale differenziazione si è resa necessaria in quanto le nuove procedure concorsuali prevedono l’accesso dei medici nei ruoli della Polizia di Stato a chi è in possesso, oltre che della laurea in medicina e chirurgia, anche della successiva specializzazione i cui tempi di conseguimento vanno dai 4 ai 6 anni.
Pertanto, ciò provoca inevitabilmente un accesso al mondo del lavoro più tardivo rispetto ad altre classi di laureati.
In riferimento al concorso in atto a 307 per posti vice ispettori tecnici viene confermata l’ipotesi di non effettuare lo scorrimento di graduatoria per il completamento della pianta organica di 900 unità ma si provvederà a bandire, entro il 30 aprile 2019, un concorso interno per soli titoli a 400 posti riservato al ruolo dei Sovrintendenti Tecnici la cui immissione in ruolo avrà decorrenza giuridica 01/01/2019. Il personale del ruolo ordinario vincitore del concorso sia in atto che futuro vi partecipa ma con collocazione in sovrannumero, quindi senza incidere sui posti del personale dei ruoli tecnici.
Permane la chiusura alla previsione di un percorso diversificato per i possessori della laurea
di primo livello richiesta dall’Amministrazione per la partecipazione ai concorsi di infermiere, fisioterapista, etc.
Nel corso dell’incontro, la delegazione del COISP ha ulteriormente ribadito che si rende
necessario creare in seno al ruolo dei funzionari tecnici un nuovo ruolo per permettere, analogamente al ruolo ordinario, la collocazione della laurea triennale (infermieri, fisioterapisti, etc), opportunità oggi preclusa solo per il ruolo tecnico.
È stata ribadita l’opportunità di eliminare dal ruolo dei funzionari tecnici la dicitura
ad “esaurimento” in analogia a quanto già chiesto anche per il corrispondente ruolo ordinario, inoltre abbiamo evidenziato la necessità di effettuare lo scorrimento della graduatoria del concorso espletato visto l’imminente accesso al pensionamento della maggior parte degli attuali vincitori.
Infine abbiamo chiesto che venga rivista la procedura che ha portato all’esclusione per il settore sanitario degli ispettori capo tecnici, nonostante ci siano stati 10 posti andati vacanti e nonostante sia stata cosa prevista, di contro, per i partecipanti non del settore sanitario.

Roma, 19 novembre 2018

La Segreteria Nazionale del COISP

SCARICA QUESTO COMUNICATO IN FORMATO PDF