I servizi di scorta sui treni a lunga percorrenza vengono effettuati sulla pelle dei Poliziotti, costretti a far fronte alle ingenti spese che l’Amministrazione avrebbe l’obbligo di anticipare e che invece nega

1706

Roma, 17 giugno 2019

MINISTERO DELL’INTERNO
DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA
SEGRETERIA DEL DIPARTIMENTO
UFFICIO PER LE RELAZIONI SINDACALI
c.a. Signor Direttore, Vice Prefetto Maria De Bartolomeis

OGGETTO: I servizi di scorta sui treni a lunga percorrenza vengono effettuati sulla pelle dei Poliziotti, costretti a far fronte alle ingenti spese che l’Amministrazione avrebbe
l’obbligo di anticipare e che invece nega.
Richiesta di intervento urgentissimo.

Preg.mo Direttore,
lo scorso 15 novembre 2018 questa Segreteria Nazionale intervenne formalmente presso il Suo Ufficio (vedi nota) per denunciare il fatto che i Poliziotti in servizio presso gli uffici dipendenti del Compartimento Polizia Ferroviaria per la Campania erano costretti a fronteggiare di tasca propria i costi di vitto e alloggio nei servizi fuori sede svolti in conseguenza delle scorte sui treni a lunga percorrenza, e che ciò si verificava già dagli inizi del precedente mese di novembre, stante il fatto che detto Compartimento aveva sospeso la corresponsione delle somme cui i Poliziotti hanno diritto a titolo di anticipo sul trattamento di missione a causa di una dichiarata “assenza degli accrediti di fondi ad hoc
sui capitoli di competenza”.
La nostra missiva si concludeva con una richiesta al Suo Ufficio di intervenire urgentemente presso i competenti settori del Dipartimento, affinché si ponesse immediatamente termine alla citata situazione con il ripristino del capitolo di spesa destinato agli anticipi forfettari sulle scorte a lunga percorrenza.
L’11 marzo di quest’anno questa Segreteria indirizzò direttamente alla S.V. una seconda lettera sulla problematica, sollecitando l’intervento precedentemente richiesto e puntualizzando che oramai quasi ovunque i Poliziotti interessati dai citati servizi di scorta sono obbligati a pagare di propria tasca
gli oneri relativi a vitto e alloggio, creando così gravissime problematiche sotto l’aspetto economico alle proprie familiare che ogni mese devono ingegnarsi su come far bastare uno stipendio che è affatto consistente e già di per sé insufficiente alle esigenze di una normale famiglia.
Appena 3 giorni dopo, il 14 marzo, la S.V. trasmise una missiva al COISP e alle altre OO.SS., precisando che “la dotazione del fondo scorte di ciascun Compartimento è stata rivisitata ed adeguata alle effettive esigenze operative”. Detta missiva aveva ad oggetto: “Polizia Ferroviaria – anticipo delle indennità connesse con le scorte dei treni a lunga percorrenza”.
Un mese dopo, il 15 aprile, la nostra Segreteria Regionale per la Lombardia interveniva presso il competente Compartimento Polfer lamentando che dall’ottobre 2018 i colleghi anticipano di tasca loro i soldi relativi a vitto e alloggio dei menzionati servizi di scorta, sottraendo importanti risorse economiche alla propria famiglia … ai propri figli.
Oggi, da Cosenza, ci segnalano che addirittura è chiesto ai Poliziotti di compilare un modulo
e sottoscriverlo con il quale accetterebbero di farsi carico del totale costo della missione che sono obbligati a svolgere.
Ebbene, Preg.mo Direttore, la Sua missiva del 14 marzo 2019 indicava che la questione era stata risolta … ma così non è affatto, atteso il fatto che ai Poliziotti è ancora chiesto di fronteggiare, con il proprio stipendio, le spese di vitto e alloggio nelle missioni connesse ai citati servizi di scorta …e tutto ciò è inaccettabile.

In attesa di cortese immediato riscontro, l’occasione è gradita per inviare i più Cordiali Saluti.

Il Segretario Generale del COISP
Domenico Pianese

SCARICA QUESTA NOTA IN FORMATO PDF